ESCLUSIVA TVS - Tesser: "Ho bei ricordi degli anni al Venezia, con la Salernitana dura, ma ce la possono fare, mi auguro di poter giocare un bel Pordenone-Venezia in B!"

06.06.2019 16:04 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
© foto di Antonio Ros/Pordenone Calcio
ESCLUSIVA TVS - Tesser: "Ho bei ricordi degli anni al Venezia, con la Salernitana dura, ma ce la possono fare, mi auguro di poter giocare un bel Pordenone-Venezia in B!"

Ai nostri microfoni Attilio Tesser, fresco di promozione con il Pordenone, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul Venezia. Ricordiamo che il tecnico è stato per cinqu anni allenatore delle giovanili lagunari, sotto la gestione Zamparini, dal 1996 al 2001.

Il ricordo dell'esperienza al Venezia: "Ai miei tempi la proprietà era un altra ma il Venezia era sempre lo stesso, con quella Primavera ho raggiunto per la prima volta i Play-Off, risultato storico, mentre la squadra è stata promossa, quindi un grande ciclo sotto la gestione Zamparini che sappiamo avere un carattere vulcanico, ma con noi giovani era sempre gentile e disponibile. Ricordo quindi il tutto con piacere anche se non ho tenuto rapporti con la città di Venezia, facevo la spola da Udine, non mi sono fermato".

L'annata arancioneroverde: "Come dicevo guardo sempre con simpatia le squadre per dove sono passato e il Venezia non fa eccezione, ora c'è questo Play-Out difficile, perchè la Salernitana è veramente una buona squadra ed è sopra di un gol, ma secondo me i Leoni possono farcela. Da esterno ovviamente non ho potuto seguire con attenzione essendo impegnato col Pordenone, non so quali fossero gli obiettivi a inizio anno, ma conosco bene la B, è un campionato particolare, se finisci invischiato nella lotta per salvarti poi resti lì spesso e questo e successo al Venezia, pur con giocatori di qualità. In cadetteria la concentrazione dev'essere sempre alta".

L'ennesimo caos della giustizia sportiva: "Pensavamo di aver toccato il fondo con lo scorso anno con tutti i ritardi, i ripescaggi mancati, i blocchi e i cambi di regolamento e invece abbiamo di nuovo assistito a un caos dove si voleva andare a modificare il regolamento. Dispiace per il Palermo, credo lì stia il punto, se non poteva iscriversi andava capito subito, non a maggio. I Play-Out invece è giusto che si giochino, indipendentemente dal coinvolgimento di Venezia, Salernitana o se dovessi essere coinvolto ipoteticamente io, ma da regolamento vanno fatti quindi si è ripristinata una regola giusta".

Un augurio finale: "Sono veneto, abito in Triveneto, ci lavoro e sono quasi sempre rimasto da queste parti, quindi non è per nazionalismo, ma è chiaro che spero ci possa essere il prossimo anno un bel Pordenone-Venezia in Serie B!"