Carpi, Castori: "Retrocessione dolorosa. Chiudiamo a testa alta"

11.05.2019 09:30 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
© foto di Nicola Ianuale/tuttoSALERNITANA.com
Carpi, Castori: "Retrocessione dolorosa. Chiudiamo a testa alta"

Il tecnico del Carpi Fabrizio Castori ha parlato in conferenza stampa in vista dell’ultima sfida contro il Venezia facendo un punto sulla stagione che ha visto gli emiliani retrocedere in Serie C: “Ci teniamo a chiudere al meglio questa stagione e onorare il campionato. Mollare non è una parola che esiste nel mio vocabolario e per questo domani vogliamo uscire a testa alta davanti ai nostri tifosi, ne va dell’onorabilità della squadra. - continua Castori come riporta il sito del club - Siamo retrocessi anche perché ci sono stati troppi episodi negativi, i rigori sbagliati contro Brescia, Foggia e Cosenza, i gol annullati a Crotone e in casa contro l’Ascoli, i rigori non concessi contro il Perugia. Io ci ho sempre creduto e non ho mai mollato, ma questi episodi negativi chiaramente non hanno aiutato il gruppo a trovare autostima”.

Ha dei rimpianti per questa stagione?
“Mi prendo una parte di responsabilità per questa retrocessione, c’è davvero un grande dispiacere e il dolore per me è doppio viste le gioie e le emozioni che ho vissuto in questa piazza. Mi spiace molto per quanto successo, ma ci sarà tempo per fare altre analisi. Io ero certo che la squadra avesse il potenziale per salvarsi, ma ci sono stati troppi episodi ad affossarci”.

Resterà anche in Serie C?
“Non ne abbiamo parlato, finito il campionato la mia priorità sarà pensare alla mia salute per poter poi ricominciare con la determinazione di sempre. Questa retrocessione mi ha ferito”.