Reyer-Sassari, PAGELLE, una squadra stratosferica

23.06.2019 15:08 di Giuseppe Malaguti Twitter:    Vedi letture
Reyer-Sassari, PAGELLE, una squadra stratosferica

Venezia, 22 giugno 2019 ore 22.40

È impossibile dare dei voti in una gara 7 dove sostanzialmente non ho capito un c***o nell'inferno dell'acquario/gabbione.
Il frastuono clamoroso, senza precedenti, del Taliercio.
Un pubblico, come di rado ho visto, a spingere tutti insieme e compatti gli orogranata verso lo scudetto, una vera bolgia, oltre la bolgia.
Sembrava di stare in un campo greco o turco, oserei dire di stile sud americano.
Quando entri in quella struttura entri in una fossa e non respiri più, non senti più nulla, non capisci in che mondo sei capitato, non sai più dove ti trovi. Paradossalmente tutto questo ha un fascino unico.
Perché quello che è sucesso ieri sera è qualcosa di unico ed irripetibile.
Dopo 17 partite in 34 gironi i giocatori della Reyer hanno disputato la partita perfetta che valeva ed ha portato allo scudetto.
Impossibile, per me, giudicare i ragazzi della Dinamo che, a loro volta, hanno disputato una stagione perfetta.

- Haynes voto voto 9,5
È il capitano. Basta e avanza.
- Stone 8,5
Mostruoso in difesa.
- Bramos voto 10
Fuori categoria. Spacca la partita con 17 punti nel terzo quarto e, per la prima volta in vita sua, in una delle sue bombe realizzate, esulta con dedica verso la panchina della Dinamo.
- Tonut voto 8
Poco importa se non assalta il ferro come altre volte.
- Daye voto 9,5
Il sesto uomo di lusso. Un talento smisurato. Una classe abbacinante.
- De Nicolao voto 8,5
La sua garra immesa. Qualità ed intensità.
- Vidmar voto 8
Gapi è l'uomo che oscura la vallata.
- Giuri voto 8
Sempre pronto quando viene chiamato in partita. È sempre il primo ad incoraggiare i propri compagni .
- Mazzola voto 8
Meraviglioso per abnegazione.
- Cerella voto 8
Non è solo bello e figo. Sa giocare a pallacanestro come pochi. Un vero uomo squadra.
- Watt voto 8,5.
Eleganza allo stato puro.
- Coach De Raffaele voto 10
Una stagione non semplice.
La sconfitta in Coppa Italia, l' eliminazione in BCL, senza mai ricordarsi che non è obbligatorio vincere, che ci sono gli avversari di livello e preparati che lottano anche loro. Sono piovute anche critiche pesanti, in alcuni casi offese gratuite "vattene, bollito, hai fatto il tuo tempo". Ed invece Walter ha riconpattato la squadra : con il lavoro, la voglia, il coraggio, la grinta, la sua onestà intellettuale, con l'aiuto del suo staff e dei suoi giocatori - che con lui danno sempre il massimo - fino al trionfo finale.