Il primo round va alla Reyer, Trento cade per 67-57

19.05.2019 23:29 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
Fonte: www.reyer.it
Il primo round va alla Reyer, Trento cade per 67-57

Parziali: 11-23; 28-31; 50-42

Umana Reyer: Haynes 14, Stone 5, Bramos 8, Tonut, Daye 7, De Nicolao 8, Vidmar 13, Biligha ne, Mazzola 2, Cerella 7, Casarin ne, Watt 3. All. De Raffaele.

Dolomiti Energia: Marble 18, Pascolo 6, Mian, Forray 2, Flaccadori, Craft 9, Mezzanotte, Gomes 11, Hogue 7, Lechthaler ne, Jovanovic 4. All. Buscaglia.

In un match ad altissima intensità, l’Umana Reyer reagisce a una partenza difficile, raddrizzando il match e aggiudicandosi Gara1 della serie dei Quarti con la Dolomiti Trentino per 67-57.

Giuri e Kennedy non recuperano e Biligha è tra i dodici in condizioni precarie. Quintetto iniziale “classico” (Haynes, Stone, Bramos, Mazzola e Watt) per gli orogranata, che partono però contratti e Trento ne approfitta per iniziare 0-9 in 3’30”, con coach De Raffaele costretto al time out. Al rientro in campo, Gomes allunga ulteriormente con una tripla, prima del primo canestro veneziano, di De Nicolao, quasi a metà quarto (2-12). Le triple orogranata non entrano e la Dolomiti arriva addirittura sul 2-19 al 7’30, con ancora De Nicolao (tripla) e Daye che provano a dare la scossa (7-19 all’8’). De Nicolao segna ancora da 3, Vidmar fa !/2 dalla lunetta ed è 11-21 al 9’30”, prima del canestro finale di Jovanovic dell’11-23.

Che la partita sia cambiata si capisce subito: segna Stone da 3, poi Daye (16-23 all’11’). Vidmar ha un ottimo impatto (da applausi anche un tuffo per tenere il pallone in campo) con Haynes e Stone (in contropiede) che costringono la panchina ospite al time out al 14’ sul 20-23. Al rientro in campo, Haynes segna con il terzo fallo di Craft, ma non completa il gioco da tre punti, così il sorpasso (24-23) è firmato a metà quarto dalla schiacciata di Watt, a chiusura di un parziale di 22-4 in 7’30”. Viene fischiato il terzo fallo anche a Watt, poi Marble sblocca Trento. E’ Vidmar (due canestri e una stoppata) il protagonista del finale di tempo, per mantenere l’Umana Reyer a contatto: all’intervallo lungo è 28-31.

Alla ripresa del gioco, Bramos impatta subito da 3, poi, dopo lo 0-4 trentino, due triple di Haynes e il canestro di Vidmar su pick and roll col capitano valgono il 39-35 al 23’, con pronto time out ospite. Marble si conferma il più ispirato della Dolomiti, ma Bramos segna ancora da 3 e Daye, sul tecnico a Hogue, fa 43-37 a metà periodo. Vidmar esce con la standing ovation del Taliercio e arriva anche il momento di Cerella, con due liberi e un recupero su Jovanovic in marcatura a centro area. A completare il quarto sono Mazzola e Daye, con i canestri che mandano l’Umana Reyer avanti all’ultimo intervallo sul 50-42.

I sottomano di Craft trascinano Trento fino al 50-49 al 32’30”, anche se torna subito protagonista Vidmar, che riporta gli orogranata sul 54-49. Escono per falli Daye e poi Vidmar, con l’ultimo sussulto trentino di Marble (54-52 al 36’). L’accelerazione decisiva dell’Umana Reyer parte da un canestro in controtempo di Haynes, poi Cerella e Vidmar mettono i liberi per il 59-52 al 37’30”. Un canestro di Cerella diventa da 3 dopo il controllo con l’instant replay, che sanziona anche come antisportivo il fallo di Marble a -1’17”. Vidmar, dalla lunetta, fa 63-55. Craft segna il 63-57 a -39”, ma la difesa orogranata ruba secondi all’attacco avversario e le mani di Haynes e Bramos non tremano dalla lunetta: finisce così 67-57.