La Spagna vince la sfida dei nervi, Italia fuori dai Mondiali

06.09.2019 16:30 di Giuseppe Malaguti Twitter:    Vedi letture
La Spagna vince la sfida dei nervi, Italia fuori dai Mondiali

La Spagna si qualifica ai quarti di finale vincendo con l'Italia per 67-60. Gli azzurri rimangono, conseguentemente, fuori dalle prime otto nazionali del mondo.
Una partita molto intensa, una nazionale azzurra che ha lottato fin che ha potuto, dove entrambi gli attacchi hanno fatto fatica. Un vero peccato per i ragazzi di Meo Sacchetti che a 4'20" dalla fine, con la tripla del Gallo, erano avanti (52-56). Da lì in poi si è spenta la luce, determinante il parziale di 10-0 in poco meno di 2 minuti che ha chiuso il match. Difficile vincere con un 4/20 da tre, l'arma prediletta degli azzurri.

Primo quarto
Coach Scariolo parte con questo quintetto base: Rubio, Rudy Fernandez, Claver, Juancho Hernangonez e Marc Gasol.
Sacchetti risponde con i soliti cinque: Hackett, Belinelli, Datome, Gallinari e Biligha.
L'Italia parte a razzo con un (2-9). La Spagna è in palese difficoltà con 6 palle perse in pochi minuti. Belinelli e Gallianari predicano subito pallacanestro e scappano via sul (5-13) al 5'. Un ottimo Biligha,  dalla media distanza, sigla il massimo vantaggio Italia sul +10.
Gli iberici cambiano Llull con Rubio e la musica cambia; un parziale di 7-0, anche con una tripla del play del Real Madrid, riequilibra il match, (12-15) al 9'. Llull è incontenibile; prima con un assist a Willy Hernagomez, poi con un canestro da centro area ed infine con la recuperata con conseguente canestro in contropiede. Si chiude il quarto in perfetta parità, 18-18.
Secondo quarto
Gli azzurri provano la carta del doppio play con Hackett e Vitali. Italbasket avanti (20-23) con la bomba di capitan Datome. Fernandez sigla la tripla che vale il primo vantaggio per le furie rosse, (25-24) al 14'. La Spagna corre; la transizione è letale per la nostra nazionale; Ribas mette la bomba del +4. L'Italia si affida a Gentile con le sue azioni in avvicinamento. I primi 20' minuti finisco con super Gallinari (autore di 10 punti), 30-31.
Terzo quarto
Si rientra in campo con Juancho Hernangomez che fa male all'Italbasket con 7 punti di fila, (37-33); dall'altra parte c'è un monumentale Gigi Datome che tiene in partita i compagni. Nonostante ciò la Spagna arriva al massimo vantaggio sul +8; Sacchetti tira fuori dal cilindro Della Valle; l'ex Reggio è subito protagonista, sigla due canestri importanti e con Gallinari ricuce lo strappo sul -2, (46-44) al 28'. Termina il terzo tempo, 50-48.
Ultimo quarto
Le squadre litigano con il canestro, anche per merito delle difese. Il Beli, a dir poco in acrobazia, segna e impatta sul pari (50-50) al 32'. L'Italia, dopo parecchio, mette la testa avanti di 1 punto. Entriamo negli ultimi 7 minuti di gara in una vera e propria tonnara senza esclusioni di colpi. Non segna più nessuno, la tensione aumenta, ma ci pensa Gallinari, con un bomba, per il (52-56) a 4'20" dalla fine. Un parziale di 6-0 riporta avanti gli spagnoli (58-56), complice 3 pessimi attacchi degli azzurri. Marc Gasol, appena uscito Biligha, segna il suo primo canestro per il +6, parziale complessivo di 10-0 per gli iberici che tagliano le gambe all'Italbasket.
MVP: Juancho Hernangomez autore di 16 punti con 6/10 dal campo.