Zenga, conferenza: "Assurdo bocciare la squadra dopo Benevento, chi lo dice ha visto altro, Tacopina non è arrabbiato, se deve esserlo dev'esserlo con me"

10.02.2019 08:00 di Davide Marchiol   Vedi letture
Zenga, conferenza: "Assurdo bocciare la squadra dopo Benevento, chi lo dice ha visto altro, Tacopina non è arrabbiato, se deve esserlo dev'esserlo con me"

Queste le parole di mister Zenga nella conferenza stampa pre Lecce.

Come al solito l'Uomo Ragno non le manda a dire e si scaglia subito contro chi ha criticato il Venezia dopo la sconfitta di Benevento: “Ho visto una negatività dopo l'ultima sconfitta che non mi trova d'accordo. Il Benevento non ha avuto alcuna occasione nitida, parlare di un Vicario migliore della squadra significa aver visto un'altra partita. La squadra per me è promossa, molti giornalisti non vengono neanche a vedere gli allenamenti e giudicano lo stesso, ma io non mi invento le scelte di formazione che sono invece legate ad aspetti fisici e mentali. Siamo stati penalizzati dagli episodi e siamo molto infastiditi, ma Bocalon ha sbagliato un’occasione incredibile a cinque minuti dalla fine e poi non siamo più riusciti a tirare in porta e non deve mai accadere".

Si vocifera di un Tacopina non proprio soddisfatto dell'andamento della squadra, intanto il presidente è arrivato in laguna: "Sì ho visto il presidente e non mi sembra arrabbiato, se deve esserlo deve esserlo con me, perchè magari si aspettava di più, ma come dissi il giorno della presentazione il giorno in cui non sarò più utile alla squadra sarò il primo a farmi da parte.

Sui nuovi acquisti: "I nuovi si stanno inserendo, Besea non ha avuto problemi a giocare. Tutti parlate di Cernuto ma c'è Fornasier come sostituto naturale di Domizzi ed è pronto, magari lunedì gioca lui. Posso avere sempre un centrocampo sempre fresco e dinamico, magari decido di giocare due partite con Suciu e Besea, due con Segre e Pinato. Rossi è un po’ sfortunato perché è già il secondo gol che gli annullano".