La Curva Sud VeneziaMestre prende posizione dopo la sentenza per il generale Kaos

23.12.2019 00:23 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
La Curva Sud VeneziaMestre prende posizione dopo la sentenza per il generale Kaos

Lungo comunicato della Curva Sud VeneziaMestre, che esprime la propria solidarietà per la situazione del "generale" Kaos.

"Il gruppo CURVA SUD VENEZIA MESTRE vuole esprimere la propria sincera vicinanza, ora più che mai, al proprio indiscusso leader ed unico "generale" KAOS, in seguito agli avvenimenti degli ultimi giorni.
È stato infatti emanato un decreto nei suoi confronti che lo priva di tutte le più semplici, ma essenziali, libertà personali: ritiro della patente, negazione del cellulare così come di ogni collegamento internet e domicilio forzato dalle 22 fino alle 7 del mattino.
Specifichiamo che questo decreto è normalmente usato nei confronti di mafiosi o criminali, e prima di oggi era stato dato quasi a nessun ultras.
Un ULTRAS che combatte per i propri ideali e per i propri valori sostenendo da tutta la vita i colori della propria città, cercando di fare il meglio per la maglia e l'appartenenza.
Un uomo rispettato in ogni città italiana e che certo, un pericolo pubblico, non è. Il motivo di questo decreto è nato da una soffiata alla polizia, soffiata fatta da persone che si fanno chiamare ultras, ma che di ultras, di coerenza e di mentalità, hanno ben poco.
Persone che fino a due anni fa chiamavano FRATELLO il nostro generale, mangiando alla sua stessa tavola e imparando da lui.
Persone che con questo gesto hanno disonorato l'intero mondo ultras andando contro a tutte quelle leggi non scritte, ma che ogni vero ultras segue e conosce.
È per questo che oggi più che mai, LA CURVA SUD VENEZIA MESTRE MICHAEL GROPPELLO, continuerà a non aver nessuna forma di dialogo e possibile collaborazione, con il gruppo UNONOVEOTTOSETTE.

Ringraziamo anche tutte le tifoserie e le persone che gli hanno dimostrato vicinanza chiudendo anch'esse i rapporti con chi allo stadio non dovrebbe più venire!!

C'È SOLO UN GENERALE!"