Le pagelle del Corriere del Veneto alla Reyer: Vidmar e Daye giganteggiano

07.11.2018 12:48 di Davide Marchiol  articolo letto 12 volte
Le pagelle del Corriere del Veneto alla Reyer: Vidmar e Daye giganteggiano

6 Haynes; Partita sottotono per il capitano della Reyer che non sta attraversando il periodo di forma migliore. Alla fine trova la bomba che potrà essere utile nella differenza canestri

6 Stone; Parte bene, come del resto tutta la squadra, ma si smarrisce durante la gara, non riuscendo a dare il suo solito contributo

7 Tonut; Il suo impatto sulle partite diventa determinante ormai e anche a Bonn il suo ingresso cambia faccia alla gara. Poi aiuta la squadra nel momento difficile, peccato per l’ingiusto tecnico subito.

7 Bramos; La miglior partite dell’ala americana in Champions vista fin qui, specialmente per la prestazione balistica offensiva. Meno reattivo in difesa, ma segna canestri importanti che permettono a Venezia di vincere.

7,5 Daye; Il campione che esce nel momento più difficile: dopo un primo tempo insufficiente, Austin si carica la squadra sulle spalle e la porta alla vittoria a suon di canestri. Fuoriclasse

6,5 De Nicolao; Le cose migliori le fa vedere tutte in difesa, dove nel secondo tempo riesce finalmente a limitare un Mayo incontenibile nel primo tempo. Perde un po’ troppi palloni in attacco, ma è con lui in campo che Venezia fa il break

8 Vidmar; Una partita perfetta, un dominio assoluto sotto le plance. I tedeschi devono usare le maniere forti per fermarlo, e gli spaccano un dente: ma lui resta in campo e decide a suo modo la sfida con l’inchiodata decisiva

6,5 Biligha; Minuti importanti e di sostanza: Paul si è ritagliato uno spazio importante, sfruttando la serata non eccellente di Watt e dando sostanza

6 Giuri; Pochi minuti, senza infamia né lode

6 Watt; Serata stranamente scialba per il centro, che paga il fisico di Jackson.

6,5 Cerella; Entra e blinda la difesa, impreziosendo il tutto con una bella bomba

7 De Raffaele; Vittoria importante e di carattere della sua Reyer che resta al secondo posto