Scibilia: "Niederauer aveva idee troppo diverse dalle mie, non riesco a vedere nel Venezia di oggi quel qualcosa he c'era quando è ripartito dalla D"

18.07.2022 15:22 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Scibilia: "Niederauer aveva idee troppo diverse dalle mie, non riesco a vedere nel Venezia di oggi quel qualcosa he c'era quando è ripartito dalla D"
TuttoVeneziaSport.it
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com

Dante Scibilia, ex direttore generale del Venezia sotto la gestione Joe Tacopina, ha parlato a La Nuova Venezia, queste alcune delle sue dichiarazioni partendo dai motivi che hanno portato alla separazione con Niederauer: "Non c'erano i presupposti per continuare assieme. Abbiamo avuto cinque-sei mesi di convivenza, in cui abbiamo fatto di tutto per conseguire la salvezza, in una stagione difficile per via della pandemia, e per me è stata gestita bene. Ma aveva idee di calcio e soprattutto di identità completamente diverse dalle mie, questo ha portato alla separazione. Non sono costretto a fare il dg, non sono incollato alla sedia: o sono all'interno di un progetto che condivido, o si trova una soluzione diversa, senza polemica, né astio da parte mia".

Lo smantellamento della colonia veneziana:

"Tutte persone che ho portato io a Venezia, ovviamente perchè ho stima e considerazione delle loro capacità. Non so quali siano le motivazioni, ma non penso paghino responsabilità di tipo sportivo, non credo che a Collauto sia imputabile qualcosa. Ho sempre voluto persone legate a Venezia, perché da ex calciatori avevano facilità a far entrare chiunque in sintonia con la città. Nel calcio serve un gruppo unito e compatto, per un giocatore la motivazione non può essere lo stipendio a fine mese, ma serve trasmettergli un concetto importante come l'identità, quella che consente di creare unità di intenti tra club, tifosi e città. E che porta grandi risultati. Non riesco più a vedere in questo Venezia qualcosa che c'era invece nel Venezia che è partito dalla serie D ed è arrivato alle porte della massima serie. Loro hanno fatto una scelta diversa, indirizzata verso l'internazionalità, che può portare effetti positivi e negativi: lo giudicheremo dai fatti.