Johnsen ci mette anche il gol, ora l'attacco del Venezia ha un'altra arma

22.02.2021 18:24 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
Johnsen ci mette anche il gol, ora l'attacco del Venezia ha un'altra arma

La vittoria in rimonta contro la Virtus Entella ci ha fornito un Dennis Johnsen più bomber che funambolo e questo ci dà alcune indicazioni in merito a come questa squadra stia superando alcuni dei limiti spesso sottolineati negli scorsi mesi, continuando nel percorso di crescita. Senza nulla togliere ad Aramu, che è da noi stato indicato come migliore in campo visto che ha ricamato calciando sfornando assist su assist, la vera notizia è la prestazione del norvegese. L'ex Ajax infatti era un po' nel mirino dei più critici per tanti aspetti, uno su tutti la scarsa concretezza. L'attaccante infatti spesso ha fatto vedere bellissime giocate, ma che non portavano a nulla e già si stava iniziando a insinuare come il salto di qualità non sarebbe mai arrivato. Pare non sarà così.

Anche mister Zanetti infatti si è accorto di come Johnsen avesse colpi importanti che però rimanevano in canna. Ecco dunque che il ragazzo ha lavorato specificatamente per essere meno appariscente e più dentro al gioco. La partita simbolo è quella contro il Frosinone, dove Dennis non segna, ma nel ruolo di seconda punta porta il primo pressing sull'avvesario soffocandone le idee di gioco. Poi è arrivato anche il gol, subentrando nel match contro la Cremonese (anche grazie a un po' di fortuna) e ora ha unito le due cose. Contro l'Entella ha infatti lavorato tanto per la squadra giocando nel tridente con Aramu e Forte e ha capitalizzato al massimo le occasioni arrivate, insaccando con freddezza.

A proposito del superamento dei limiti, il Venezia ha dimostrato di saper vincere anche quando Forte non c'è o non è al meglio. Contro il Pescara l'avversario non ha brillato, contro un'Entella in palla invece Forte ha giocato "normalmente" e i Leoni hanno firmato una rimonta da manuale. Molto fa la vena realizzativa emersa in alcuni giocatori, Modolo, Fiordilino e soprattutto Johnsen hanno portato le reti che mancavano per sopperire ai problemi fisici dell'uomo simbolo. Con il classe '98 ora finalmente entrato nei meccanismi ed efficace, mister Zanetti ha un'altra arma importante per un attacco che ora, tra lui, Di Mariano e Forte inizia ad avere tante opzioni a disposizione, senza dimenticare Sebastiano Esposito e Bocalon, che stanno dando già tanto ma che quando chiamati in quasi potrebbero forse dare ancora di più. Con questi presupposti si può andare al tostissimo scontro diretto contro l'Empoli ancora più convinti di poter far bene. Sarà un match difficile, ma questo Venezia ha le armi per giocarsela contro chiunque, anche con chi sulla carta è superiore per organico.