Tra sogni americani e necessità di salvezza, lo sport a Venezia riparte

31.05.2020 21:45 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
Tra sogni americani e necessità di salvezza, lo sport a Venezia riparte

Calcio e basket sono i due sport più in vista in Italia, quindi giocoforza i riflettori vanno in quella direzione. Uno riparte, l'altro decide di annullare la stagione, ma accende i fuochi del mercato. Ergo in ambedue gli ambiti qualcosa si rimette in moto, si ridà una parvenza di normalità. Se sia giusto o sbagliato non siamo noi a poterlo dire. Venezia non esula dal discorso. Mentre c'è frenesia in città per capire come si potrà continuare a far andare avanti la macchina del turismo, che traina la città, Reyer e Venezia FC si stanno organizzando per il futuro.

In casa orogranata sembrava tutto tranquillo. Sembrava appunto. Pochi addii e un paio di puntelli per lottare nuovamente per la conquista dell'Eurocup e del campionato. Negli ultimi giorni però quello che nel mondo del calcio sarebbe definito come un terremoto ha scosso la città. Austin Daye è richiesto dalle franchigie NBA. Il figlio di Darren è il funambolo della squadra, non a caso nonostante diverse critiche è stato MVP delle finali scudetto 2019 ed MVP anche della Coppa Italia vinta dalla Reyer. Perderlo per il club sarebbe un duro colpo e trovare un rimpiazzo si rivelerebbe cosa non semplice. Austin ha già giocato negli USA, vincendo anche l'anello a San Antonio, ma non ha mai lasciato realmente il segno. Dunque ora la situazione è al bivio, o resta e conclude gloriosamente in Europa oppure si rimette in gioco e ritenta la fortuna nel Paese a stelle e strisce. Con tutta probabilità la decisione finale spetterà a lui.

Molto diversa la situazione in casa Venezia FC. La truppa di Dionisi è tornata al completo e si allena al Taliercio in vista della ripresa del 20 giugno. C'è una salvezza da ottenere, fondamentale per i continuare ad alimentare sogni di crescita dopo un biennio complicato che ha portato anche al passaggio di consegne tra Tacopina e Niederauer. Tutti gli infortunati sono ora recuperati e con così tante partite in pochi giorni ci sarà bisogno di tutti. La missione primaria si chiama permanenza in B, quella secondaria si chiama riconquista del Penzo. Anche se vuoto, tornare a vincere in casa sarà uno dei passaggi chiave per tornare a certi livelli.

America e Venezia, due entità strettamente legate anche se in modo diverso. In casa Reyer si programma per il futuro, in quella arancioneroverde si riaffila il coltello (sportivo) per ottenere l'obiettivo che permetterebbe di tornare a pensare a una crescita futura. Anche se in modo strano, si riparte...