Como, Roberts: "Non c'era tanta differenza tra noi e il Venezia, soddisfatti di aver battuto una diretta concorrente"

03.03.2024 19:53 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Como, Roberts: "Non c'era tanta differenza tra noi e il Venezia, soddisfatti di aver battuto una diretta concorrente"
TuttoVeneziaSport.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Osian Roberts, allenatore del Como, ha parlato in sala stampa al termine del match vinto contro il Venezia. Queste le sue parole riportate da pianetaserieb.it

Il match:
“Sapevamo che questa settimana sarebbe stata importante. I giocatori sono stati fantastici in termini di professionalità e allenamenti. È stato un match duro oggi, ma siamo felici di aver trovato la vittoria. Ricominceremo a lavorare domani. Sono soddisfatto della vittoria. Non credo ci fosse grande differenza tra noi e il Venezia. In queste partite tirate vogliamo vincere e siamo soddisfatti di aver battuto una diretta concorrente, è stato uno step in avanti".

Bellemo come sta?
"Non sappiamo l’entità dell’infortunio di Bellemo, dovremo aspettare e vedere, ha giocato tanto nell’ultimo periodo".

Il gol di Cutrone e la rete subita:
"È stato bello vedere il ritorno di Cutrone in campo, mi ha detto che era pronto per giocare e segnare, me lo ha promesso e lo ha fatto. È un giocatore speciale. Gli sono già arrivati messaggi da tutto il mondo. L’emozione dell’ esultanza con lo stadio in campo è stata bellissima. Non so cosa è successo sul gol del Venezia, non eravamo concentrati. Normalmente dopo che segnamo siamo concentrati. Sarà qualcosa che analizzeremo e sul quale lavoreremo".

Curto e Iovine?
"Sono entrambi buoni giocatori, Iovine ha avuto un infortunio qualche settimana fa e dovevamo stare attenti. In più è nato suo figlio e non ha dormito tanto. È entrato e ha fatto bene. Nel calcio moderno servono tanti collaboratori per preparare i calciatori tatticamente, socialmente, fisicamente, mentalmente…Abbiamo un grande staff. La Serie B ha un livello più alto del campionato gallese, nonostante quest’ultimo e le squadre partecipanti stiano migliorando. Le gallesi più forti giocano in Inghilterra”.