Johnsen, quanti rimpianti: inizio al top per il norvegese, poi l’involuzione. Sarà lui il fuoriclasse per la B?

07.06.2022 21:00 di Andrea Papaccione   vedi letture
Johnsen, quanti rimpianti: inizio al top per il norvegese, poi l’involuzione. Sarà lui il fuoriclasse per la B?
TuttoVeneziaSport.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Tra gli uomini chiave della storica promozione dello scorso anno, Dennis Johnsen non è riuscito a confermare anche in Serie A ciò che di buono aveva dimostrato nella sua prima annata in Laguna. Dopo un approccio alla categoria più che positivo nella prima frazione di stagione, dove il norvegese si è distinto come uno dei migliori della rosa di mister Zanetti, le prestazioni sono andate via via deteriorandosi, complici anche alcuni guai fisici e l’infezione da coronavirus che a dicembre a messo KO il prestante attaccante scandinavo. Tante erano infatti le aspettative della piazza, e soprattutto dell’allenatore, nei confronti dell’ex Heerenven, che nei primi scampoli di campionato aveva dato prova, grazie a performance più che positive, di possedere tutte le carte in regola per affermarsi sul palcoscenico dei grandi. 

Grinta e incisività al servizio della squadra da parte di Johnsen, acceso da nobili motivazioni ma su cui purtroppo la sorte si è ben presto accanita. I numerosi stop a cui è stato costretto il classe ‘98 hanno contribuito infatti a un’involuzione tecnica che ha bruscamente stoppato il processo di crescita del giovane esterno offensivo, che durante il girone di ritorno ha conosciuto un periodo decisamente complesso sotto più punti di vista, terminato con la prima realizzazione in assoluto in massima serie nel match con il Bologna. Una data, quella dell’8 maggio 2022, che resterà scolpita a vita nei ricordi del ventiquattrenne, uscito “a riveder le stelle” dopo un lungo e tortuoso cammino di ritrovamento. 

Con la retrocessione ormai assimilata da tifosi e società, non resta che programmare il prossimo campionato di Serie B, che vedrà il Venezia giocarsela con numerose compagini storiche del calcio italiano. Asso nella manica nella corsa alla promozione dei Leoni Alati sarà senza dubbio proprio Dennis Johnsen, pronto a riprendersi sul campo quella Serie A che non è riuscita ad ammirare nel corso dell’ultima annata la miglior versione possibile dell’attaccante originario di Skien. Possiamo scommettere, senza esagerare, che tra le numerose stelle che l’anno prossimo brilleranno sui campi del campionato cadetto, la più splendente vestirà il numero 17.