Napoli-Reyer coach Spahija: "Napoli è una squadra forte, ma noi vogliamo dimostrare di competere per il primo posto"

28.03.2024 19:15 di Alberto Bison   vedi letture
Napoli-Reyer coach Spahija: "Napoli è una squadra forte, ma noi vogliamo dimostrare di competere per il primo posto"

Sabato sera alle 19:00 la Reyer Venezia scende in campo a Napoli nel match valido per la 25° giornata di LBA. Oggi in conferenza stampa il coach orogranata Neven Spahija, ha presentato il match del PalaBarbuto

Le dichiarazioni di coach Neven Spahija: 

"Fisicamente stiamo bene. A Cremona abbiamo fatto ancora una volta l'errore di giocare senza il giusto focus e mentalità per tutti e 40 i minuti, dopo una grande partita contro Milano. Dopo il terzo quarto siamo tornati ad essere quelli di inizio gara, anche io devo migliorare. Dopo la mia espulsione la squadra ha fatto ciò che dovevamo fare: da -14 siamo andati a +14, quasi 30 punti di scarto in meno di 20 minuti.
Dobbiamo essere sempre consistenti, in questa settimana la squadra ha reagito molto bene in allenamento, con tanto impegno. Dobbiamo continuare a lavorare.
Napoli è una squadra molto forte che gioca bene. Hanno giocatori importante e sono una squadra completa: altrimenti non avrebbero vinto la Coppa Italia. Noi siamo preparati, abbiamo un roster per competere contro tutti."

A Cremona la squadra ha mostrato diversi up and down all'interno della stessa partita. Qual è stato il problema?

"Penso che il problema sia sopraggiunto per la mia espulsione per doppio fallo tecnico dopo 4 minuti di gioco. La mia espulsione per i giocatori è stato uno shock. Invece il calo che la squadra ha mostrato nell'ultimo quarto è molto difficile da spiegare. Nel corso della stagione abbiamo avuto partita buone e altre meno buone, ma non ricordo una situazione up and down nel corso della stessa partita."

Come commenta l'espulsione di Cremona?

"Non voglio dire nulla ma, l'unica cosa che ho detto è perché non mi ha dato un avvertimento. Io ho contestato alcuni falli e il primo tecnico lo accetto, ma poi mi è subito stato fischiato il secondo fallo tecnico e l'unica cosa che ho detto è stata: "perché non mi chiami un warning", come si vede dalle immagini. Penso che sia la prima volta in carriera che vengo espulso dopo nemmeno 4 minuti di gioco. Comunque da parte mia credo di dover migliorare perché non posso lasciare la squadra senza la guida tecnica."

Com'è messo Parks a che punto è del percorso di recupero?

"Jordan ha fatto oggi il primo allenamento della squadra, ma non ci sarà sabato a Napoli. Credo di poter dire che dopo la trasferta di Napoli possa essere di nuovo parte della squadra. Inoltre, a Napoli non ci sarà nemmeno Brooks perché non ha ancora recuperato dal problema ai lombari".

Viste le assenze di Parks e Brooks. A Napoli Simms dovrà avere una reazione dopo la prestazione nebulosa di Cremona?

"Ieri ho parlato con lui e gli ho detto che comprendo il suo periodo familiare difficile. E' vero che a Cremona ha giocato male, ma tutta la squadra ha giocato senza responsabilità nell'ultimo quarto. Negli allenamenti di questa settimana la squadra ha lavorato duro e oggi ho visto il frutto del lavoro dei giorni scorsi. La squadra ha capito che deve giocare sempre consistente perché se vinci contro Milano devi vincere anche contro Cremona altrimenti non serve a nulla pensare di essere un contender per il primo posto in classifica. Però noi siamo un gruppo di ragazzi di talento e dunque dobbiamo lavorare per giocarci la testa della classifica".