Zanetti: "Stiamo vicini alla squadra, mancano risultati, non prestazioni"

16.01.2021 17:09 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
Zanetti: "Stiamo vicini alla squadra, mancano risultati, non prestazioni"

Mister Paolo Zanetti commenta nel post partita la sconfitta del Venezia contro il Pordenone per 2-0: “Facciamo fatica a concretizzare la grande mole di lavoro che creiamo, sinceramente spiegare questa partita a chi non l’ha vista non è semplice, abbiamo preso due gol con un tiro subito. Purtroppo è una cosa che si sta ripetendo, la cosa che mi preoccupa di più e che non voglio e che si entri in questo vortice mentale dove non riesci a far gol e alla prima occasione lo prendi andando giù. I ragazzi sono molto dispiaciuti perché non riescono a portare a casa quello che si meritano, è un periodo storto, che dobbiamo accettare, consapevoli però che c’è ancora un intero girone da giocare, quando inizierà a girare sarà dura per tutti affrontare questo Venezia. Oggi il portiere è stato in giornata no ma non voglio che si senta responsabile, succede, per me i suoi errori hanno lo stesso peso dei gol sbagliati. I giocatori mi stanno dando l’anima e sono comunque grato per il loro atteggiamento”.

Come si può uscire da questa situazione? “Conosco solo la via del lavoro, ho parlato ai ragazzi a fine partita, ho fatto loro i complimenti per la prestazione, evidentemente non basta per raggiungere i nostri sogni. Dobbiamo subito rimetterci al lavoro, è stata una giornata storta, ora però prepariamoci a un’altra partita molto difficile”

Vacca come sta? “Sta facendo gli accertamenti, speriamo non sia grave anche se sospettiamo lo sia”

Che impressione ti ha dato Sebastiano Esposito all’esordio? “Un’ottima impressione, vuole far bene, ha il fuoco dentro e vuole esplodere. Abbiamo bisogno in questo momento di qualcuno che non sente il peso degli ultimi risultati negativi nonostante le buone prestazioni. Esposito secondo me nonostante i soli 18 anni se è quei è perché ha qualità e un grande futuro, sono sicuro che ci può dare una grossa mano e noi potremo dargli una grossa mano a crescere”.

I numeri di chi hai parlato nel prepartita non sono migliorati oggi: “Oggi penso che addirittura abbiamo alzato quei numeri che dobbiamo cambiare, mi viene veramente difficile spiegare questa situazione, non è una cosa che mi è successo spesso in carriera. Dobbiamo lavorare, consolidare il nostro pensiero, i ragazzi hanno bisogno di essere sostenuti in questo momento. Tutti devono stringersi intorno alla squadra che sta lottando per obiettivi importanti e che è in difficoltà di rsultati e non di prestazioni, pretendo che i ragazzi continuino a lavorare così”.