Il futuro di Okereke è tutto da decidere: addio o riscatto?

L'avventura dell'attaccante nigeriano al Venezia potrebbe concludersi dopo appena una sola stagione. Per ripartire dalla Serie B...
17.06.2022 11:20 di Pietro Zaja   vedi letture
Il futuro di Okereke è tutto da decidere: addio o riscatto?
TuttoVeneziaSport.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Ogni tifoso del Venezia che si rispetti non può essersi dimenticato del primo gol di Okereke in maglia arancioneroverde. Una prodezza. Iniziata con uno scatto illuminante a centrocampo e terminata con una conclusione che ha portato il centravanti nigeriano a siglare una delle reti più belle di tutta l'intera stagione dei lagunari. Con una rapidità e un'accelerazione fuori dal comune, Okereke ha saltato di netto la difesa dell'Empoli, lasciando con i tacchetti piantati al terreno ben tre avversari, per poi piazzare con il mancino il pallone alle spalle di Vicario. Un tiro preciso e rasoterra che ha regalato il gol del momentaneo 2-0 sulla compagine di Andreazzoli. La partita è poi finita sul risultato di 2-1, con Bajrami che ha provato a riaccendere le speranze toscane. Un gol in stile Theo Hernandez, giusto per citarne uno che con le sgroppate solitarie per il campo ci sa fare. Un gol che ricorda proprio la rete del 2-0 realizzata dal terzino milanista contro l'Atalanta. Quasi una sua copia. Insomma, l'avventura di Okereke a Venezia non era di certo iniziata male...

Un'avventura destinata però a non continuare a lungo. Breve, ma intensa. Ricca di emozioni, ma povera di costanza per quanto riguarda le prestazioni sul campo. Nonostante i 7 gol realizzati, la stagione di Okereke è stata un continuo oscillare tra momenti di isolamento in campo e discontinuità a momenti di grande genio. Le reti che ha realizzato non sono arrivate di certo per caso. Anzi. Il classe '97 sa come colpire e rendersi pericoloso con la palla tra i piedi, ma, spesso, si è dimostrato incostante nel corso delle partite. Si tratta di un giocatore vivace, che non ha bisogno di molto per incidere. Gli bastano uno spunto, una giocata o un'intuizione. Ma, nonostante questo, è anche capace di sparire dai radar della squadra. Come stesse giocando a nascondino con i propri compagni. Un calciatore più di fantasia e sregolatezza che di dettami tattici e ordine in campo. Un giocatore non del tutto affidabile come Crnigoj o Ceccaroni, pilastri dai quali la società vuole ripartire per tornare il prima possibile in Serie A.

Ma Okereke è così e il Venezia lo ha saputo sfruttare al meglio. È risultato lui il secondo miglior marcatore della rosa assieme ad Aramu, alle spalle di Henry. Nel complesso, una stagione positiva quella dell'ex Club Bruges, che, però, rischia seriamente di essere l'unica trascorsa tra le fila del Venezia. La società arancioneroverde, infatti, non intende esercitare l'opzione per l'acquisto a titolo definitivo dell'attaccante. La somma pattuita con il club blega si aggira attorno agli 8 milioni di euro, più 2 di bonus: una cifra che una squadra appena retrocessa non può permettersi di spendere se si vuole rifondare e ripartire da zero. Le strade di Okereke e del Venezia, quindi, sono molto vicine alla separazione. Nei prossimi giorni ne sapremo sicuramente di più. Seguiranno aggiornamenti.