Tessmann: "Ho sentito subito tanta fiducia in me, Serie A passo importante per la mia carriera"

22.07.2021 15:21 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Fonte: Dal nostro inviato Giuseppe Malaguti
Tessmann: "Ho sentito subito tanta fiducia in me, Serie A passo importante per la mia carriera"

Tanner Tessmann è da qualche giorno è un nuovo giocatore del Venezia e oggi è stato presentato in conferenza stampa, queste le sue dichiarazioni.

“Mi trovo molto bene nell’ambiente arancioneroverde, mi hanno accolto bene fin da subito. Ci attende una stagione difficile, ma daremo tutto per cercare di raggiungere i nostri obiettivi”

Sei rimasto sorpreso dall’interessamento di una squadra italiana?

“L’anno scorso non avrei mai immaginato di trovarmi qui in questo momento, ma ci speravo nella chiamata di qualche squadra europeo, sono contento di essere arrivato qua in Italia e di giocarmi questa opportunità in questa grande squadra. Sarà sicuramente un’annata importante per me”.

Prima di giocare per Dallas avevi praticato qualche altro sport?

“A Dallas ho giocato solo a calcio, in passato ho però fatto football e basket, all’università ho fatto entrambi questi sport, poi naturalmente il calcio ha preso il sopravvento”.

Qual è stata la motivazione che ti ha spinto a scegliere il Venezia? E poi, hai già una laurea pronta?

“Una delle principali motivazioni che mi hanno portato qui è la possibilità di confrontarmi con la Serie A, in una squadra di qualità come il Venezia, è anche un’ottima occasione per mettermi in mostra. Per quanto riguarda la laurea stavo frequentando a Dallas poi è arrivata questa occasione, adesso che sono qui il focus principale sarà imparare al meglio l’italiano”.

In università cosa studiavi?

“Ero al primo anno, non avevo ancora scelto quindi l’indirizzo specifico”.

TVS – Giuseppe Malaguti – Una domanda per Paolo Poggi, il ragazzo ha firmato fino al 2025, ancora una volta quindi un giovane viene blindato per il futuro, è un po’ il segno di questa società.

“A maggior ragione con Tanner che è così giovane, al di là di aspettarsi prestazioni fin da subito, che sarebbe egoistico anche da parte nostra, per un ragazzo della sua età è tutelante per la società avere un contratto così lungo. È anche un segnale per il ragazzo, gli dimostra che il nostro è un progetto lungo e che noi siamo una società che tutela i giovani e li aspetta”.

TVS – Giuseppe Malaguti – A Tessmann, ti aspettavi che Zanetti ti desse le chiavi del centrocampo già nelle prime due sgambate?

“Siamo ancora agli inizi, quindi secondo me è normale che nelle prime amichevoli giochino tutti. Io sono qui per mettermi a disposizione in qualsiasi posizione decida il mister, sicuramente ho ricevuto tanta fiducia da parte dello staff e della squadra, questo mi fa molto piacere”.

Per Poggi, è possibile paragonarlo a Locatelli?

“Sì, non solo fisicamente ma anche per caratteristiche, ha le movenze, le giocate, può essere un paragone calzante, con ovviamente le debite proporzioni, ma ha tutte le qualità per diventare un giocatore di quel tipo. È già avanti, ha già esperienza nel calcio giocato a certi livelli, ci aspettiamo riesca a sviluppare più competenze possibili per il nostro calcio”.

Ci racconti le tue caratteristiche e se ti rivedi in qualche giocatore, magari del calcio italiano?

“Mi piace giocare da numero 6 o 8 in campo, ma mi piace anche segnare, quindi cerco di propormi in fase offensiva. Parlando dei giocatori a cui mi ispiro sicuramente Pogba, mi piace guardarlo quando gioca”.

Visto che a gennaio eri con la nazionale, pensi possa essere un obiettivo tornarci?

“Sarà sicuramente uno dei miei obiettivi diventare un elemento importante per la nazionale americana. Il ct segue molto i campionati europei con giocatori americani, sono consapevole che essere in Serie A è un passo importante per diventare in futuro un elemento importante per la nazionale americana”.