Vanoli: "Servono punti, con il Suditirol gara importante dove anche il pubblico può fare la differenza. Wisniewski? Bella possibilità per lui e per il club""

20.01.2023 18:38 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Fonte: Giuseppe Malaguti, trascrizione a cura di Davide Marchiol
Vanoli: "Servono punti, con il Suditirol gara importante dove anche il pubblico può fare la differenza. Wisniewski? Bella possibilità per lui e per il club""

Mister Paolo Vanoli ha inquadrato la sfida di domani del Venezia contro il Sudtirol. Queste le sue dichiarazioni:

Buona prestazione a Marassi con il Genoa:

“Intanto dobbiamo imparare a non gongolarci per la prestazione, a noi servono i punti. Fa piacere ricevere elogi perché giochiamo bene. A volte dobbiamo essere più sporchi e cattivi per portare a casa un risultato importante. Domani è importante, siamo in casa, sappiamo l’importanza dei tre punti e ci siamo preparati per questo”.

Wisniewski?

“Penso che Wisniewski stia chiudendo una trattativa importante per lui e per la società. Per il bene suo e della squadra non era opportuno farlo giocare, domani non sarà proprio convocato. Purtroppo quando c’è il mercato, lo odio un po’ per queste cose qua, a volte le cose cambiano in un attimo. Se dovesse succedere questo sono felice per il ragazzo e contento per questa società, ha investito sul ragazzo e ne ha approfittato e sono contento anche del mio lavoro perché ho aiutato a far crescere il ragazzo. Poi nel merito delle trattative non ci entro, sono concentrato sulla gara di domani, ho sempre detto che ho un gruppo importante, penso che Svoboda abbia già dimostrato di essere un giocatore importante per il gruppo”.

Come sta la squadra? Come vedi il Sudtirol?

“Per quanto riguarda il gruppo stanno tutti bene, Cheryshev dalla preoccupazione di settimana scorsa sembra avere una cosa più lieve del previsto. Il Sudtirol è una squadra ottima nella concretezza difensiva e in quelle poche occasioni che hanno fanno gol. E’ una caratteristica del tecnico, che ha dato questa identità, è una caratteristica dei giocatori a disposizione anche, meritano la classifica che hanno, lo sappiamo, sappiamo che partita ci aspetta. Dobbiamo giocare questa partita con intelligenza e testa, sono gare in cui servono intelligenza e testa. Per il resto i ragazzi in settimana hanno lavorato benissimo”.

Non perdi un giocatore banale con Wisniewski:

“Questa società ha sempre dimostrato di essere attiva sul mercato. Questa è stata una situazione inaspettata, però allo stesso tempo come successo per Fiordilino, come successo per lui, noi dobbiamo avere l’obiettivo di essere tutti concentrati per l’obiettivo, preferisco che il ragazzo sia libero mentalmente e che abbia questa occasione, anziché tenere un ragazzo che magari pensa alla Serie A. Non possiamo sbagliare il nostro pensiero, bisogna in primis ringraziare il ragazzo perché si è sempre comportato benissimo, le sue potenzialità penso le abbia dimostrate, ma ripeto, noi dobbiamo essere concentrati sul nostro obiettivo. La nostra dirigenza sta operando sul mercato, sicuramente troveremo la persona utile anche a questo, come sempre fatto. Questa società deve sistemare tante cose, il tempo si accorcia avendo un obiettivo, quest’anno è la salvezza, le cose vanno sistemate anche a costo di qualche sacrificio, questo si sa ed è una sfida bella anche per questo”.

Ora filotto di gare importante:

“Abbiamo una piccola fortuna, non è l’ultima partita questa, sono due partite importanti perché le giochiamo in casa, però non è l’ultima spiaggia. Dobbiamo giocarle con attenzione, concentrazione, cercando a tutti i costi i tre punti, consapevoli che davanti c’è una squadra in un bel periodo. Ma ho sempre noi che dobbiamo aumentare i giri del motore, il tempo si accorcia, ci vogliono piccoli passi”.

Quella con il Perugia forse l’unica gara sbagliata:

“Nel mio percorso i ragazzi sono stati bravissimi e hanno dato tuto. Abbiamo anche incontrato Reggina, Parma e Genoa, tre squadre importantissime. Forse in quel momento i ragazzi non hanno capito l’importanza della gara di Perugia, questo è. Fa parte di un processo di crescita di una squadra che non è abituata a capire che gare non devi assolutamente perdere, questa è la sfida più importante. Questa rosa ha qualità, ma la qualità in Serie B, per dove sei, non basta, questa è una cosa che stiamo migliorando. L’unica pecca nel percorso è stata forse proprio quella gara lì. Ora abbiamo la svolta con queste due partite in casa”.

Ora due gare pesantissime in casa:

“Quando sono arrivato ho detto che l’unica cosa che sicuramente avrebbe visto il pubblico è una squadra che dà il 100%, lo abbiamo dimostrato più volte, anche con il Parma. Il pubblico in casa fa sempre la differenza, perché avete visto a Genova. Poi non capisco come si faccia a non parlare del rigore non dato a Cringoj, dei due falli che ha subito Johnsen, questo fa la differenza. Io capisco tutto, siamo l’unica squadra, che avrà anche dei difetti, ma che non è possibile che non abbia subito ancora un rigore. Però questo è la forza di quando giochi con un pubblico importante. Spero il pubblico ci trascini, sotto l’aspetto dell’impegno non siamo mai mancati, ora serve il risultato. Però Criscito va a due gambe su Crnigoj a palla non ancora uscita, se neanche lì ti danno un rigore è dura. Anche lì vedi sono episodi che non devono essere alibi ma sono episodi che possono anche cambiare le gare, ma anche l’entrata volontaria di Strootman su Johnsen era da arancione. Però dobbiamo guardare avanti e alla partita di domani”.

Bisoli?

“Lo stimo come allenatore, è spesso l’allenatore giusto, nel posto giusto e con i giocatori giusti e per quello che arrivano i risultati. Una società seria, sappiamo che ha costruito nel tempo e anche noi dobbiamo piano piano in questa fase qua ricompattarci”.