Zanetti: "L'aiutarsi in campo ha fatto la differenza, abbiamo tracciato la strada da seguire"

La conferenza stampa di mister Paolo Zanetti dopo il successo per 1-0 del Venezia contro la Fiorentina grazie al gol di Aramu.
18.10.2021 23:50 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Zanetti: "L'aiutarsi in campo ha fatto la differenza, abbiamo tracciato la strada da seguire"
TuttoVeneziaSport.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Paolo Zanetti ha commentato in conferenza stampa il successo per 1-0 del Venezia sulla Fiorentina, queste le sue dichiarazioni.

La partita:
“L’interpretazione della partita da parte dei miei ragazzi è stata ottima, perché davanti c’era una squadra dai ritmi alti, che veniva da tre vittorie consecutive in trasferta. Dovevamo fare una partita perfetta dal punto di vista difensiva provando a sfruttare gli spazi e abbiamo fatto gol così. I ragazzi sono stati molto bravi e hanno messo tutto per vincerla”.

Cosa ha fatto la differenza quest’oggi?
“L’aiutarsi in campo, si è visto una squadra, che attualmente è per gran parte nuova con tanti ragazzi stranieri. La crescita arriva con il lavoro duro e con le scoppole. Ho visto anche qualità oggi, ci vuole qualità per fare un gol così. C’è stata una buona gestione palla terra, siamo riusciti a cacciare tutti i fantasmi. L’unica cosa è che quando avevamo un uomo in più sembravamo noi in 10, questo andrà analizzato”.

Haps è l’MVP di questa gara?
“Sì, ma ci sono anche i due centrali che hanno fatto una partita meravigliosa contro un avversario di grandissimo livello. E’ un ragazzo che veniva da un infortunio, lo abbiamo preso per giocare, ha esperienza e un certo spessore, oggi l’ho voluto mettere in mostra. Ha gamba e un’ottima gestione della palla. Dal punto di vista tattico deve migliorare ancora qualcosa, ha avuto questo periodo per imparare qualcosa e oggi ha fatto bene. Abbiamo scoperto un giocatore che può darci una mano”.

Il primo successo in casa che sensazione lascia?
“Una bellissima sensazione, normale che per me la classifica che conta sia quella finale, ci si arriva passando anche da partite così, servono un 36/38 punti per arrivare alla salvezza. Per arrivarci bisogna fare qualche punto anche contro avversari importanti, la strada l’abbiamo tracciata e dobbiamo seguirla perché si può fare”.

Romero ha esordito subito:
“Abbiamo fatto una scelta difficile, perché Maenpaa per noi è stato sempre importante così come Lezzerini, ma lato portieri siamo stati un po’ sfortunati ultimamente per via degli infortuni. Romero ha un’esperienza che non ha nessuno ed è carismatico, ha giocato al Manchester United, al Venezia può dare tutto. Oggi non è stato molto operoso, ma in campo si sente nella gestione dei compagni e ha esperienza dei compagni. Prima o poi andava buttato dentro e ho deciso di farlo subito. Sicuramente Maenpaa sarà arrabbiato ma dobbiamo fare anche questo”.

Busio ha propiziato il gol vittoria:
“Busio non deve porsi limiti, è un ragazzo che abbiamo preso dalla MLS, è un nazionale americano e non uno scappato di casa (ride ndr). E’ giocatore di livello e si vede, ha sposato il nostro progetto nonostante avesse altre richieste anche più importanti della nostra, ha giocato sempre però non perché io gli regali qualcosa ma perché se lo merita. Sa far bene entrambe le fasi. E’ arrivato come play, lo preferisco qualche metro più avanti”.