Lezzerini: "Ho vissuto la cavalcata verso la Serie A come un tifoso. Zanetti valore aggiunto"

21.06.2021 08:00 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Lezzerini: "Ho vissuto la cavalcata verso la Serie A come un tifoso. Zanetti valore aggiunto"
TuttoVeneziaSport.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Raggiunto da La Nuova Venezia (edizione di ieri), Luca Lezzerini ha commentato il decorso del suo infortunio al crociato, che lo ha mandato ko nella seconda parte dell'ultima stagione: "Tutto procede benissimo, è stata molto dura, ma sto rivedendo nuovamente la luce, il giorno del raduno ci sarò anch'io. Sono stati mesi con un accavallarsi pazzesco di emozioni, di sensazioni, ero reduce da un buon campionato, mi stavo ripetendo, la squadra stava crescendo, vedevo un gruppo compatto dove era un piacere giocare. Interrompere la stagione è stato un brutto colpo, ma sono abituato a reagire, in passato ho avuto un paio di infortuni gravi quando ero alla Fiorentina, ne sono sempre uscito alla grande. Sapevo di dover avere pazienza, di lavorare tanto ed è quello che sto continuando a fare, tra palestra, fisioterapia e campo. Un paio di volte doppia seduta al Taliercio con Massimo Lotti, per ritrovare le misure del campo, i movimenti, i rinvii e le parate. Per mettere alla prova il ginocchio senza avere timori. Ho vissuto la cavalcata verso la Serie A come un tifoso, sono sempre stato vicino ai miei compagni. Ho sempre avuto un ottimo rapporto con Pomini, ne ho instaurato un altro altrettanto ottimo con Maenpaa. È un ragazzo intelligente, abbiamo parlato spesso, quando è arrivato gli ho descritto le caratteristiche di qualche compagno che conosceva meno. Zanetti? Sono felicissimo di proseguire il mio percorso con lui, è stato un valore aggiunto. Serie A? Bellissimo. Ogni volta che ci penso mi emoziono. È stata una promozione meritata, cercata e voluta. Questo gruppo è entrato nella storia, una promozione forse inattesa, ma fin dall'inizio ho avuto sensazioni positive per come giocava la squadra, la mentalità che portavamo in campo, la determinazione con cui abbiamo rovesciato tante partite. Nessuna squadra ci ha mai messo sotto, il Venezia ha sempre cercato di imporre il proprio gioco, in casa e in trasferta. Vacanze? Io quest'anno farò qualche weekend e poi 4-5 giorni, ma devo lavorare, quest'anno le vacanze possono anche aspettare. Voglio migliorare, continuare così per presentarmi al raduno in buone condizioni e farmi trovare pronto per la prima di campionato".