Pomini: "Vado in campo ancora con serenità. Lezzerini con l’infortunio ha interrotto una scalata che lo avrebbe portato in Serie A"

05.03.2021 09:00 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com
Pomini: "Vado in campo ancora con serenità. Lezzerini con l’infortunio ha interrotto una scalata che lo avrebbe portato in Serie A"

Alberto Pomini dopo le due parate salvifiche contro Empoli e Reggiana è al centro dell'attenzione, tuttomercatoweb.com lo ha intervistato, queste alcune delle sue dichiarazoni più imortanti.

Parte come chioccia, risponde sempre presente.
“Cinque anni fa a Sassuolo mi avevano detto che ero già vecchio. La stessa cosa a Palermo e poi ho giocato. Mi danno del vecchio da cinque anni, ma ancora ne ho: perché devo accettare di smettere? Vado in campo con serenità, so bene quali sono i miei limiti e i miei pregi. Posso dare qualcosa in più a livello di gestione e di calma grazie all’esperienza. E di entusiasmo ne ho”.

Di smettere non ci pensa proprio, immagino.
“Vado al campo senza nessuna difficoltà di gestione. Faccio allenamenti senza saltarne. Non ho bisogno di gestirmi. Non vedo perché dovrei smettere. Personalmente ho ancora voglia di giocare”.

Portieri giovani: su chi punta?
“Lezzerini con l’infortunio ha interrotto una scalata che lo avrebbe portato in Serie A. Poi mi piace Carnesecchi. Mi fa impazzire Di Gregorio del Monza. E poi c’è Alastra a Pescara: difficile togliere il posto a Fiorillo, ma è un portiere che per le qualità che ha potrebbe avere molto più spazio”..

Quarant’anni e grande protagonista. E intanto sta facendo il corso da allenatore. Futuro in panchina?
“Sto facendo il corso per conoscenza personale, perché è giusto non farsi trovare impreparati. Ci sto pensando e mi sto dedicando anche allo studio. Ho fatto anche il corso da team manager. Voglio aggiornarmi nel miglior modo possibile per essere preparato in futuro. Ma non so ancora in che ruolo”.