Conferenza Dionisi: "Più cinici, o queste partite non le porti a casa"

Dal nostro inviato per la conferenza stampa di Alessio Dionisi Giuseppe Malaguti, che è intervenuto telefonicamente insieme agli altri giornalisti.
09.07.2020 14:38 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
Conferenza Dionisi: "Più cinici, o queste partite non le porti a casa"

Alessio Dionisi ha parlato oggi in conferenza stampa in vista della sfida con il Benevento e si parte naturalmente con i due grandi assenti, Molinaro e Aramu: “Sia Molinaro che Aramu non si sono mai allenati, speriamo recuperino il prima possibile. Mattia ha preso una bella botta, abbiamo deciso di tenerlo fermo per curarlo in modo da averlo a disposizione il prima possibile, sentiva ancora dolore negli ultimi giorni. Dispiacciono tutte le assenze, soprattutto in questo periodo, parliamo di due giocatori importanti, ma sono importanti anche quelli che vanno in campo, sappiamo sicuramente le qualità di Aramu e l’importanza che ha per noi, peccato averlo perso per una botta, ma le assenze le hanno tutti e non ci devono condizionare”.

Dopo l'Empoli il Benevento, squadra che ha uno score pazzesco in questa Serie B: “Il Benevento è imbattibile se guardiamo i numeri, ci sono riusciti solo Pescara e Crotone e il Crotone ha vinto dopo la festa promozione e parliamo di una squadra d’alto livello. Il Benevento poi ha pareggiato solo tre partite. Questo è quello che ha lasciato, questo ce la dice lunga sulla loro forza. All’andata l’abbiamo giocata noi e loro alla prima occasione l’hanno portata sui loro binari. In questo momento hanno una consapevolezza importante sulla loro forza. Noi però il nostro obiettivo ce lo dobbiamo meritare ogni partita e dovremo dire la nostra anche a Benevento. Non credo la promozione li abbia scaricati, Venezia conosce Inzaghi, è uno che non molla niente e saranno motivati per fare un buon risultato, noi dovremo essere ancora più motivati di loro”.

Cosa non ti è piaciuto della partita con l'Empoli? “Quello che non mi è piaciuto della sfida con l’Empoli è l’atteggiamento dopo il gol preso, siamo stati bravi a reagire spesso dopo un gol preso e gli episodi ci hanno detto male in quella partita, ma ci siamo spenti andati sotto. Ci è successo anche all’andata con il Benevento e contro squadre così forti è normale che ci possa essere scoramento, ma non deve succedere se vuoi fare un risultato positivo. Sulla carta partiamo battuti, questo è ovvio, però dobbiamo sopperire al gap anche con l’atteggiamento giusto”.

Le squadre in alto sono particolarmente brave in contropiede oltre ad avere un gioco: “Benevento e Frosinone sono squadre molto brave a chiudersi e ripartire. Sanno attendere l’occasione giusta per colpire, anche l’Empoli lo sa fare bene. All’andata la partita l’abbiamo fatta bene fino al loro gol, al Benevento interessa poco giocare bene i primi venti minuti, conta fare il risultato e sono molto bravi ad attendere il momento giusto per ripartire e colpire per poi prendere il sopravvento. Il nostro demerito fu non reagire, perché è impossibile non concedere qualcosa a queste squadre”

C'è però da dire che se il Venezia concretizzasse di più... “Occasioni anche contro l’Empoli ne abbiamo avute è vero, esattamente come si possono concedere siamo bravi a crearle, però può succedere di non concretizzare. Dobbiamo essere bravi a realizzare perché domani avremo poche occasioni, anche contro l’Empoli loro hanno tirato tantissimo, noi poco, dobbiamo crearne di più noi e far sì che gli avversari tirino meno, in modo da avere più possibilità di concretizzare, perchè, se non diventiamo cinici, contro squadre di questo livello non ottieni nulla”.

Lollo e Modolo ci saranno? “Modolo rientrerà, Lollo sta bene dopo il problema avuto con il Livorno, questa settimana si è allenato sempre e quindi è tra le soluzioni per il centrocampo. Firenze o Capello giocheranno tra le linee e in base a quello deciderò come giocare davanti”.