Le fasce la zona di sofferenza, a sinistra si fatica, Mazzocchi dirottato scopre la coperta a destra

04.10.2021 19:33 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Le fasce la zona di sofferenza, a sinistra si fatica, Mazzocchi dirottato scopre la coperta a destra
TuttoVeneziaSport.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Queste prime giornate di Serie A in casa Venezia ci hanno già detto diverse cose sulla forza della squadra e, soprattutto, sull'adattabilità della rosa a disposizione di Zanetti. Tanti i moduli utilizzabili dai Leoni. Dal 4-3-3 al 4-2-4, passando per il 4-2-3-1 e il 4-3-1-2. Il lavoro dunque di società e tecnico sembra ben fatto, soprattutto alla luce del fatto che sono comunque arrivati 5 punti, un bottino discreto e che con un altro risultato in quella sciagurata partita con lo Spezia poteva essere anche più importante. Se proprio vogliamo andare a trovare un pelo nell'uovo, questo lo troviamo sulla corsia di sinistra.

Già l'anno scorso sul lato mancino è emersa qualche difficoltà, con Felicioli che non è riuscito a tornare al 100% dopo il grave infortunio patito e Ricci che è stato preso a gennaio per cercare di mettere una toppa ai problemi. Molinaro è stata la certezza in B e lo è anche in A, ma l'età non verdissima non gli consente di fare per troppe volte 90 minuti. In estate sono arrivati Schnegg e Haps, ma sembra esserci quasi una piccola maledizione sul ruolo. L'olandese infatti appena arrivato ha subito riportato un problema muscolare che lo sta tenendo fuori dai giochi e che sicuramente ne rallenta l'inserimento in rosa. L'austriaco ex Lask e Tirol sta soffrendo troppo l'impatto con la massima categoria e il tecnico sta cercando di gestire la cosa.

Ecco che la soluzione contro il Cagliari è parsa ovvia, al netto della condizione di Molinaro che è conosciuta al 100% dal solo Zanetti. Mazzocchi è duttile e anche a sinistra può dire la sua, scoprendo però il lato destro. Ebuehi infatti sta faticando un po' a incidere, difensivamente è in crescita ma il suo apporto là davanti può e dovrà migliorare. Coperta dunque ancora corta, il mister sta facendo il massimo per coprire le falle, ma se c'è un ruolo dove a gennaio la società potrebbe intervenire è proprio sulle corsie.