Reyer-Scafati, al Taliercio l'Umana vuole ritrovare il ritmo giusto

08.12.2023 13:15 di Giovanni Girardi   vedi letture
Reyer-Scafati, al Taliercio l'Umana vuole ritrovare il ritmo giusto
© foto di Credits: Umana Reyer Venezia

Alla vigilia dell’undicesimo turno di campionato, la Reyer si prepara alla partita contro Scafati. La squadra di coach Spahija arriva al match reduce da due sconfitte consecutive. La prima, quella contro Trento, ha visto gli orogranata in difficoltà e incapaci di tener testa alla squadra di Paolo Galbiati. Con Londra c’è stata una reazione, ma in una partita punto a punto solo chi riesce a sfruttare al meglio le ultime occasioni può avere la meglio, e in questo caso, a conseguire la vittoria è stata la squadra inglese. Domani al Taliercio, Venezia dovrà provare a recuperare la fiducia ed il ritmo che l’ha portata a vincere le partite contro Reggio ed Amburgo.

Dall’altra parte del parquet, Scafati si presenta quinta a pari merito con Sassari e Pesaro. Il team campano non sta passando un periodo di successi: l’ultima vittoria risale al 12 novembre contro Milano, e le ultime tre partite sono state perse, nonostante il divario minimo che le accomuna. Ad ogni modo, Scafati è da considerarsi un avversario pericoloso, dotato di alcune personalità che hanno le capacità per mettere in seria difficoltà i lagunari. Per menzionarne alcuni, si potrebbero fare i nomi di Pinkins (20,0 di valutazione, terza migliore in LBA), Robinson (5,4 assist in media a partita) e Strelnieks (56% da tre, miglior percentuale di tutta la lega).

Le parole di Spahija spiegano meglio di qualsiasi articolo la situazione in casa Reyer in questo momento:

“La competizione in Italia è dura e non esiste alcuna partita semplice perché tutte le avversarie sono competitive, compresa Scafati. Abbiamo fatto tante cose brutte nelle ultime partite. Non parlo di vittorie e sconfitte, ma dell’immagine di una squadra seria e di essere professionisti”.