Aramu: "Serve mettersi di impegno e lavorare, siamo consapevoli delle difficoltà. Squalifica unico rimpianto"

21.07.2021 14:50 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Aramu: "Serve mettersi di impegno e lavorare, siamo consapevoli delle difficoltà. Squalifica unico rimpianto"
TuttoVeneziaSport.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Tempo di intervista per Mattia Aramu, tra i principali protagonisti della promozione dell'anno scorso e che ora vuole, a diversi anni di distanza dal suo esordio, ritagliarsi il suo spazio anche in Serie A. Questo quanto ha dichiarato al Corriere del Veneto: "Stiamo mettendo benzina sulle gambe è dura in questi giorni perché si lavora tanto e le gambe non sempre rispondono come dovrebbero. Ma è tutto normale, i ritiri sono così. Serve mettersi d’impegno e lavorare. Siamo consapevoli delle difficoltà e di quello che ci aspetta sarà dura. Abbiamo visto i calendari: tre trasferte alle prime tre partite non mi era mai capitato, ma dobbiamo affrontare quello che ci tocca, tanto prima o dopo le squadre dovremo affrontarle tutte. Ho un solo, enorme rimpianto. Mi sono fatto squalificare per due giornate nella finale della scorsa stagione perché avevo protestato in panchina. E salterò il debutto di Napoli e la seconda a Udine. Mi dispiace tanto, perché questa Serie A me la voglio assaporare tutta. Quella col Torino è la partita che vorrei giocare ad ogni costo sono cresciuto nel settore giovanile granata, sono legato a quei colori. E vorrei segnare il gol dell’ex, sarebbe una soddisfazione e un modo per dire che adesso in Serie A ci sono anch’io. La strada è quella giusta, Venezia mi ha cambiato la vita e la carriera. E io non voglio fermarmi più".