Poggi: "Accettiamo sportivamente il risultato, ma gli episodi arbitrali ci hanno seccato parecchio"

18.04.2021 16:51 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
Fonte: Dal nostro inviato Giuseppe Malaguti
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
Poggi: "Accettiamo sportivamente il risultato, ma gli episodi arbitrali ci hanno seccato parecchio"

Il Direttore dell’Area Tecnica Paolo Poggi ha voluto fare il punto della situazione su quanto accaduto ieri in Salernitana-Venezia, con diversi errori solari da parte del direttore di gara che hanno danneggiato i Leoni.

“Faccio una premessa: ieri non avremmo meritato di vincere. Lo ha detto anche il mister e in tutta onestà è un fatto oggettivo. Noi abbiamo fatto bene inizialmente, poi loro sono emersi e Maenpaa ha fatto qualche parata importante. Probabilmente in caso di pareggio o vittoria nostra ci sarebbe stata una moderata incazzatura da parte dell’avversario. Purtroppo però abbiamo perso e quell’episodio ci ha fatto arrabbiare e analizzare un po’ più a fondo la partita. Andando oltre all’ultimo episodio con il fallo evidente e sotto gli occhi di tutti sul portiere e andando oltre anche alla prestazione tecnico tattica, ci siamo soffermati a rivedere tutti gli episodi realmente fastidiosi, che sono 6. Ci siamo accorti tutti del rigore su Crnigoj, che c’era, però possiamo dire che non influenza il risultato perché poi siamo andati in vantaggio. Poi non so se ve ne siete accorti ma nella ripresa c’è stato un fallo di mano abbastanza evidente con gli occhi dell’arbitro rivolti verso il fallo, ma anche qui subito dopo c’è stata una palla gol per noi e quindi può passare in secondo piano. C’è poi il fuorigioco di Johnsen, se un giocatore corre sulla linea appositamente, stava correndo sulla linea per non superarla, è e invece la bandierina si è alzata. Poi fallo su Ceccaroni non segnalato, nell’azione seguente c’è poi il gol del pari della Salernitana. All’89’ c’era fallo su Aramu al limite dell’area, che è un fallo evidente. L’arbitro ha fatto un’ottima partita dal punto di vista tecnico, era sempre nella posizione giusta, ma purtroppo ha sbagliato un po’. Faccio questo punto della situazione perché innanzitutto abbiamo diritto di lamentarci, sapete che non siamo lamentosi, abbiamo scelto sempre la strada dell’accettare quel che succedeva, ma pensiamo sia nostro diritto dire che ieri qualcosa non è andato bene, che qualche episodio a sfavore lo abbiamo anche subito. Abbiamo però anche un dovere, ovvero tutelare il lavoro dei tesserati e della società, non è giusto in questo caso accettare, risultato a parte dove sceneggiate era inutile farle e anzi sono stati loro a farle e sono stati loro a farli, ma questi sono episodi che posso anche accettare nella foga agonistica, certi episodi negativi. Ci dà fastidio è che dobbiamo tutelare il nostro lavoro, la partita era importante anche per noi, mica solo per la Salernitana. Non è che siccome sono strutturati per la Serie A devono andarci più di noi, è vero, sono forti e meritatamente lottano per la Serie A, però visto che anche noi stiamo facendo qualcosa di importante è giusto che ci incazziamo e tuteliamo il nostro lavoro e anche noi ci accorgiamo se qualcosa ci viene tolto. Noi vogliamo solo dire che è successo, non vogliamo allungare sospetti assolutamente, ma ci sono stati episodi negativi che pesano molto a livello di punti e morale, perché quando succedono queste cose fa molto male anche a chi le subisce. Aggiungo, allenatore e giocatori nostri ieri sono stati dei signori, perché hanno protestato con veemenza ma civilmente, si sono messi gli episodi negativi in tasca, sono tornati in aereo a Venezia e si sono allenati sperando di potersi sfogare martedì nel prossimo match”.

Ha fatto strano anche l’ammonizione dopo pochissimi minuti rimediata da Zanetti:

“Questa è la seconda ammonizione che becchiamo in poco tempo a seguito di proteste per rigori evidenti, prima a Forte contro il Cosenza e ieri è successo con il mister e vi assicuro che non aveva protestato in modo incivile. Io ero in tribuna e si è sentito il rumore del calcio alla scarpa preso da Cringoj. Ribadisco che non vogliamo allungare sospetti, ma vogliamo parlare di fatti oggettivi che si sono verificati e che ci fanno arrabbiare. Anche per noi questo campionato vale, stiamo lavorando come tutti gli altri e allora come tutti gli altri, visto che non siamo i primi a sottolineare certe cose, alziamo la voce. Ieri anche noi abbiamo fatto diversi errori, ma non siamo stati gli unici”.

Che poi anche al Venezia con l’Ascoli è capitato di prendere a pallate l’avversario senza riuscire a vincere, è una cosa che poteva succedere anche ieri alla Salernitana:

“Non avessimo perso sicuramente non ci avremmo pensato troppo, ma chiaramente hai perso e quindi rifletti su quanto è stato, con l’episodio finale che è oggettivamente imbarazzante, non si può pensare che su Maenpaa non sia fallo. Siamo abbastanza seccati dall’accaduto”.

Anche le spiegazioni fornite dal direttore di gara a capitan Modolo non hanno convinto, forse è veramente arrivata l’ora del VAR anche in B:

“Non so se gli arbitri che adesso fanno la Serie A possono essere condizionati dal fatto che là c’è il VAR, perché spesso lasciano correre e in massima categoria poi vengono chiamati in caso di problemi, qua però non c’è. Il VAR in B è una lotta che sta facendo Balata da un paio di anni e speriamo riesca a portarlo nel breve periodo. Ultimamente c'è stato negato più di un rigore solare, speriamo che parlarne porti un po’ più di attenzione, perché siamo sportivi, ma ce ne accorgiamo quando veniamo penalizzati”.

Il presidente come l’ha presa?

“Stamattina abbiamo rivisto assieme gli episodi, lui rosica meno di noi almeno apparentemente, però è rimasto alquanto sorpreso, quello sì a rivedere tutte le immagini. Siamo già però col pensiero a martedì”.

In merito al caso Pescara cosa è emerso dalla riunione di Lega?

“Noi siamo consapevoli che c’è bisogno di far giocare tutte le partite, le soluzioni in discussione sono due, giocare due match e fare la sosta o far partire la sosta da subito. Noi saremmo per fare la sosta giocando prima queste due giornate”.

Tornando al campo i Pay-Off sono ancora da conquistare:

“L’equilibrio regna in maniera evidente, martedì ci saranno scontri diretti importanti compreso il nostro, nessuno può essere tranquillo, noi la viviamo partita per partita”.