Scibilia: "Dieci giorni per fare il tampone a Vacca, se non si sanno fare i protocolli si taccia. Temo non si possa far ripartire il calcio garantendo la salute"

07.04.2020 17:53 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
Scibilia: "Dieci giorni per fare il tampone a Vacca, se non si sanno fare i protocolli si taccia. Temo non si possa far ripartire il calcio garantendo la salute"

Il DG Scibilia in conferenza stampa prende duramente posizione sulla ripartenza del calcio, lamentando anche una certa inefficienza dei protocolli: "Tenete conto che per far fare il tampone oro faringeo a Vacca ci abbiamo messo dieci giorni, altri dieci per avere una risposta, se non si sanno fare le cose è inutile mettere per iscritto protocolli, se poi non sei in grado di attuarli. Io non sono un medico, saranno i medici di Serie A, B e delle altre categorie a prendersi la responsabilità di dire che si può ripartire. Bisogna dire si può fare tenendo conto realmente come funziona una partita di calcio, perchè poi non è che i calciatori possono stare fermi durante la settimana, hanno una famiglia, poi noi dobbiamo spostarci, andare a Crotone, andare a Benevento... quindi prima di parlare bisognerebbe sapere bene come funziona una società di calcio, una partita e cercare di dare una soluzione realmente applicabile. Temo non esista, trovo impossibile riuscire a proteggere i calciatori durante l'attività sportiva, i protocolli dicono i medici che si attivano sulla base di certe condizioni, solo che quelle condizioni poi non vanno a verificarsi, il caso zero non lo troverai mai, solo che se non lo trovi finchè non trovi il vaccino... sugli altri tamponi non mi esprimo perchè siamo nel campo di ipotesi e non sono un medico".