Non solo scontro salvezza: con il Palermo il Venezia ritroverà il suo passato

20.11.2022 15:33 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Non solo scontro salvezza: con il Palermo il Venezia ritroverà il suo passato
TuttoVeneziaSport.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Domenica 27 novembre al Barbera di Palermo il Venezia non si giocherà solo punti pesantissimi per la lotta salvezza, ma incontrerà anche il suo passato. Dopo aver incrociato SuperPippo Inzaghi da avversario gli arancioneroverdi infatti ritroveranno diversi giocatori protagonisti, in positivo o in negativo, delle scorse annate tra Serie B e Serie A. Partendo dalla difesa, sulla corsia di destra dei rosanero c'è Ales Mateju. Rinforzo di gennaio della passata stagione, i lagunari lo andarono a pescare un po' in fretta e furia dagli svincolati per colmare il vuoto lasciato da Mazzocchi. Gettato nella mischia un po' all'improvviso, l'ex Brescia alla fine dei conti non è stato neanche così disastroso se contiamo le modalità con cui è stato inserito. Chiaro che per la salvezza sarebbe servito ben altro nel momento in cui decidi di rinnovare una delle tue fasce.

Passando al centrocampo il primo nome è Leo Stulac, in arancioneroverde dal 2016 al 2018. Il play è stato lanciato proprio da Inzaghi tra Serie C e Serie B e in cadetteria tutti si sono accorti del suo talento in una stagione in cui, con le sue geometrie, i lagunari sono arrivati fino ai playoff poi persi proprio contro i rosanero. Passato poi al Parma in Serie A, lo sloveno non è mai riuscito a scalare l'ultimo gradino per affermarsi in massima categoria e, dopo un ulteriore passaggio all'Empoli, è sceso di categoria per aiutare la compagine siciliana. Nella metà campo di Corini troviamo anche Jacopo Segre. Arrivato in prestito dal Torino nell'annata 2018/2019 e tra i pochi a salvarsi in una squadra che sarebbe poi arrivata ai playout: tre gol e un assist per lui.

Infine in attacco il Palermo punta tanto sull'estro di Kekko Di Mariano, uno dei grandi protagonisti della promozione del Venezia in Serie A. Rientrato dal prestito alla Juve Stabia per trovare una nuova squadra, mister Paolo Zanetti è riuscito a rimentalizzarlo, facendo rivedere il giocatore capace di segnare 8 gol e 2 assist nel suo primo anno in laguna. Nel tridente con Forte e Aramu si è imposto con un totale di 4 gol e 7 assist. Con la promozione poi è stato lasciato andare al Lecce, con cui l'ex arancioneroverde ha trovato un'altro salto di categoria, e ora è tornato nella sua città natale.