SPAL-Venezia, PAGELLE, Ceccaroni MVP, impatto così così di Johnsen

05.04.2021 21:43 di Giuseppe Malaguti Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
SPAL-Venezia, PAGELLE, Ceccaroni MVP, impatto così così di Johnsen

Le pagelle degli arancioneroverdi:

MAENPAA 6: esordio con la maglia del Venezia per il portierone finlandese. Incolpevole sulla magia di Di Francseco, si disimpegna con sicurezza tra i pali, più che discreto anche con i piedi.
MAZZOCCHI 6: non è al massimo e si vede. Un paio di spunti dei suoi comunque arrivano. Rimane un giocatore imprescindibile nello scacchiere di Zanetti.
MODOLO 6,5: il solito legno colpito dal capitano coraggioso. Un leone, une leader, l’anima di questo splendido Venezia. Rischia il rosso nel finale, ma va bene così.  
CECCARONI 7,5: per Cecca sono 42 partite consecutive con la maglia del Venezia senza mai saltare un minuto. Anche contro la SPAL dimostra tutto il suo valore e la sua personalità, griffando anche la rete del pareggio.
RICCI 6,5: soprattutto nel primo tempo gioca con qualità. Le sue scorribande sulla fascia sinistra fanno male alla SPAL. Si vede che ha gamba e sta bene. Zanetti, giustamente, lo schiera fin da subito.
CRNIGOJ 6,5: esce sfinito al minuto 85’. A tratti devastante, prezioso quando copriva le avanzate di Mazzocchi e allo stesso tempo con la sua velocità e fisicità ha messo spesso in difficoltà la squadra avversaria. Un palo clamoroso; peccato quell’errore in ripartenza che ha aperto la strada a Di Francesco e compagni per la rete spallina.
FIORDILINO 6,5: il duttile per eccellenza. Oggi schierato come play gioca una partita di qualità unita alla quantità.
MALEH 6: si batte su ogni pallone, sacrificandosi per i propri compagni.
ARAMU 6: encomiabile per l’impegno. In qualche modo vale lo stesso discorso fatto per Maleh. Non trova le sue consuete giocate, ma è utile tatticamente e in fase di ripiego.  
FORTE 6: a sorpresa rivediamo lo “Squalo”. Come sempre si muove su tutto il fronte offensivo senza mia risparmiarsi. Gioca un’ora, più di questo non poteva dare. Fondamentale averlo recuperato per il finale di campionato.
DI MARIANO 6,5: grande vivacità e corsa. Non si ferma mai per tutti i 90 minuti con un paio di giocate delle sue, una delle quali scalda le mani e i guantoni di Berisha.
 

JOHNSEN 5,5: entra senza lasciare troppo il segno. Ci aveva abituando diversamente risultando spesso decisivo entrando in corsa.
ESPOSITO 6: merita la sufficienza per l’impegno messo nella mezz’ora in campo.
DEZI sv: