Venezia-Cesena 0-1, Javorcic: "Un test in crescendo, buon allenamento. Tante defezioni? Dovremmo recuperare tutti in poco tempo"

Mister Ivan Javorcic ha parlato in conferenza stampa dopo la sconfitta in amichevole per 0-1 del Venezia contro il Cesena. Queste le sue dichiarazioni.
03.08.2022 20:36 di Davide Marchiol Twitter:    vedi letture
Fonte: Giuseppe Malaguti, trascrizione a cura di Davide Marchiol
Venezia-Cesena 0-1, Javorcic: "Un test in crescendo, buon allenamento. Tante defezioni? Dovremmo recuperare tutti in poco tempo"
© foto di Jure Šadl

Mister Ivan Javorcic ha parlato in conferenza stampa dopo la sconfitta in amichevole per 0-1 del Venezia contro il Cesena. Queste le sue dichiarazioni.

TVS Giuseppe Malaguti - Analisi del match:

“Nella sostanza abbiamo fatto delle cose discrete, cercando nella strategia della gara di lavorare su quello che ci siamo detti, strada facendo lo abbiamo fatto meglio. C’è stata un po’ di imprecisione nell’area gol ma abbiamo fatto delle cose che mi sono piaciute, siamo riusciti a velocizzare di più la manovra nella ripresa. Lì davanti eravamo un po’ fermi e questo un po’ ci bloccava ma in precampionato ci sta, è un test positivo e che ci serve. E’ stato un buon allenamento”.

TVS – Lo spezzone da mezz'ora per Aramu è un segnale di una possibile permanenza?

“Aramu è un giocatore del Venezia e lo tratto come tale, nel resto non entro. In questo momento la dinamica è chiara, è un giocatore a disposizione e che sta guadagnando condizione. Io cerco di metterlo nella condizione giusta per esprimersi in campo”.

Tante defezioni. Per la Coppa Italia?

“Niente di preoccupante, sicuramente tutti giocatori che recupereremo a breve, ora non so in particolare chi prima e chi dopo. Ma ci sono stati un po’ di acciacchi e disturbi del momento, ma sono situazioni del momento. E’ stata l’opportunità per testare qualche ragazzo giovane in una partita che fosse stata ufficiale sarebbe stata giocata in stato quasi di emergenza”.

Connolly?

“Connolly è un 9 atipico, più da transizione, su certi principi quindi fa un po’ più di fatica. Da esterno offensivo ha bisogno di un certo tipo di cultura tattica, ha bisogno di lavorare ancora tanto da questo punto di vista. Si dovrà un po’ adattare ampliando quelle che sono le sue conoscenze calcistiche. Ma è un ragazzo sicuramente interessante”.

TVS – Come ha visto Busio play?

“Gianluca è un centrocampista secondo me totale, può giocare in tutte le posizioni del centrocampo. Penso che questo percorso da play possa aiutarlo a diventare un giocatore migliore, più responsabile e a disposizione del collettivo. E’ ancora giovane e di talento. E’ un ruolo che può fare tranquillamente”.

TVS – Tra le note positive anche Pecile:

“C’è stata l’opportunità oggi per diversi giovani come St. Clair e Pecile di giocare. E’ una chance che si sono meritati lavorando, chiaramente è ancora presto per dire se siano pronti per la B per alcuni, ma piano piano devono fare il loro percorso che sarà lungo non sarà netto. In questo senso siamo tra i più giovani della B e possiamo crescere tanto con il lavoro quotidiano, con tutte le difficoltà date dal fatto che siamo retrocessi”.

Calciomercato?

“Mi piacerebbe dire che vorrei che fosse chiuso ma abbiamo bisogno ancora di qualche giocatore (ride ndr). Vorrei parlare di mercato il meno possibile perché distrae, però qualcosa là davanti ci manca ancora”.

St. Clair si sta impegnando parecchio:

“E’ un ragazzo che parla quando gioca, si vede tanto l’abnegazione che mette in campo e sono messaggi su cui faccio tanta attenzione”.