Le pagelle di Pisa-Venezia: Longo sale in cattedra

22.02.2020 20:54 di Andrea Iannazzo   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Le pagelle di Pisa-Venezia: Longo sale in cattedra

Un Venezia cinico e quadrato riesce a vincere anche a Pisa e conferma la sua enorme costanza in trasferta. Inoltre finalmente, grazie alla vittoria odierna i ragazzi di mister Dionisi escono dalla zona play out, a discapito proprio del Pisa. In una classifica così corta che vede la zona play off a sole quattro lunghezze ora più che mai è lecito sperare in qualcosa di più, porsi obiettivi sembra l'arma migliore per non staccare mai la spina di una squadra che di voglia ne ha da vendere come dimostrato nel cerchio festoso creato a fine gara.
Il mercato di gennaio inoltre si è rilevato ponderato e in grado di migliorare notevolmente la rosa con due pedine che oggi han fatto la differenza, Longo e Riccardi. Ecco le pagelle.

Pomini 6: Non fa sentire la mancanza di Lezzerini anche perché la sua difesa lo protegge bene. Sulla girata di Masucci che sigla il momentaneo 1 a 0 non può nulla, bella invece la parata su De Vitis all'84' mostrando come sia stato sempre molto vigile, anche in qualche uscita. Da segnalare l'ottimo filtrante per Longo al 70' che viene lanciato a campo aperto proprio dal nostro portiere.
Riccardi 6: Una partita perfetta quella del 23enne ex Lecce, se non fosse per il goal di Masucci. Si fa anticipare, ma c'è da dire che i demeriti di Riccardi vanno in netto contrasto con i meriti clamorosi di Masucci che fa davvero un bel goal, difficile da arginare in quell'occasione. Per il resto grande partita, molta attenzione, nonostante il rientro in una stagione che l'ha visto in campo per 90 minuti solo nella sconfitta contro la Spal.
Ceccaroni 6,5: Da centrale è molto meglio che da terzino, va detto, e oggi l'ha dimostrato. Qui dove non necessita di partecipare alla fase di spinta dimostra tutte le sue doti, soprattutto nel gioco aereo. Ottimo il salvataggio al 69', anche lui molto attento su ogni cross pisano.
Fiordaliso 6,5: Rientro sfortunato il suo, davvero coraggioso ad entrare in un contrasto che lo fa uscire per infortunio che si rivelerà in seguito non grave, al di là del taglio. Nei suoi 23 minuti comunque fornisce grande spinta e attenzione, come dimostrato ad inizio stagione, va infatti anche alla conclusione ravvicinata dopo una bella triangolazione con caligara e aramu (dal 23' Lakicevic 6: Lui spinge un po' di meno ma copre bene, molto intelligente a spendere il fallo nel finale, quando ormai era stato saltato).
Molinaro 6: La sua esperienza trasmette fiducia alla coppia di centrali davvero giovane, partita senza sbavature, fa il suo.
Caligara 7: Senza dubbio il migliore del centrocampo veneto, sforna assist a tutto andare, suo ad esempio l'ottimo passaggio per Longo che si procurerà il rigore. Emblematica poi l'azione al 63' che dimostra tutta la sua grinta e caparbietà nel rimediare ai propri sbagli, perde palla in seguito ad un calcio d'angolo e con una sgasata incredibile riprende il giocatore avversario chiudendo con un'ottima scivolata, oggi ci ha messo il cuore (dall'88' Monachello: SV).
Fiordilino 6,5: Grandissimo l'apporto che dà in fase difensiva nel finale, difensore aggiunto, chiude tutto. Bello l'aiuto che dà anche nel guadagnare tempo, grande esperienza anche da parte sua, senza fretta infatti, nel finale, dopo aver fermato un avversario con un bel gioco di gambe si destreggia fra 3 guadagnando anche fallo.
Maleh 6: È colui che dà meno apporto qualitativo e di sostanza del centrocampo arancioneroverde, come sempre però tanta corsa e intensità, e alla fine è quel che deve fare.
Aramu 7: Bravissimo ad essere sempre presente nelle azioni pericolose del primo tempo che alla fine si crea proprio lui con i suoi compagni, grazie ad ottime triangolazioni. Ci prova su assist di Capello, poi apre lui per la conclusione di Fiordaliso e in seguito, ad inizio ripresa, davvero bella la sponda per il goal di Longo. Bravo anche a trasformare il rigore, freddo, nonostante Gori avesse intuito la sua conclusione era calciata troppo bene per essere parata. Nel secondo tempo, dopo il vantaggio, complice l'ascesa del Pisa, cala notevolmente (dall'85' Lollo: SV).
Capello 6,5: Anche lui partecipa all'azione del vantaggio, con un bel passaggio per Aramu, davvero importante però è il suo apporto in fase difensiva, si sacrifica sempre davvero tanto e forse è proprio per questo che lui il campo non lo lascia praticamente mai.
Longo 7,5: Gioco forza il migliore in campo è lui, perché si procura il rigore dopo uno splendido aggancio, perché sigla il vantaggio con un destro chirurgico dal limite dell'area, e perché cerca sempre di tenere alta la squadra nel finale, la quale si affida spesso a lui. Davvero un grande punto di riferimento, di cui la squadra aveva bisogno come il pane. Bravo a prendersi falli e far rifiatare la squadra in alcune circostanze.