Venezia-Brescia, PAGELLE, la sbandata ne salva pochi, gli errori di Felicioli e Bocalon ribaltano l'inerzia del match

06.03.2021 18:04 di Davide Marchiol Twitter:    Vedi letture
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
Venezia-Brescia, PAGELLE, la sbandata ne salva pochi, gli errori di Felicioli e Bocalon ribaltano l'inerzia del match

Pomini 6,5 - Se il Venezia può tentare fino in fondo di pareggiarla il merito è anche suo. Puntualissimo in tutte le circostanze, ci arriva anche sulla bordata di Aye, ma il tiro è troppo forte e si insacca lo stesso;

Mazzocchi 5,5 - Le gioca tutte a mille all'ora e prima o poi un po' di stanchezza doveva emergere. Davanti si ritrova un Ragusa che va al doppio e a lungo andare l'ex Perugia non riesce più a contenerlo. (dal 68' Ferrarini 6 - Entra, è più fresco e si vede, dà ordine, anche se soffre comunque le accelerazioni di Ragusa).

Modolo 6 - Difensivamente dalle sue parti il pericolo è costante, ma ha il merito di andare più volte vicino al gol andando con cattiveria sui piazzati. Joronen prima e Bjarnason poi gli strozzano la gioia della rete in gola.

Ceccaroni 6 - Meno pericoli dalle sue parti, il gol arriva sì da lì, ma non con lui in marcatura. Il più ordinato in una difesa che prende solo un gol per buona sorte.

Felicioli 4,5 - Solito errore? Solito errore. Nel momento più sbagliato. Aye segna e la partita si ribalta, con i Leoni che mentalmente si sfaldano. Dopo mesi di lavoro rivedere lo stesso identico errore mette inquietudine. Bisogna dargli atto che comunque l'impegno ce lo mette e in avanti per le sovrapposizioni si fa vedere, ma non può bastare. (dall'88' Svoboda sv).

Maleh 6,5 - Ci mette tantissima intensità come al solito e non è un caso che dalla sinistra non arrivino troppi pericoli. Cerca di metterci tutto quello che ha, ma è una partita storta e stavolta non basta per andare a caccia della rimonta.

Taugourdeau 5 - Oggi il Venezia non ha equilibrio, troppo fragile, squadra troppo confusionaria e il play non fa eccezione. Cerca di dare ritmo, ma si sgancia troppo spesso beccandosi un richiamo da Zanetti già in avvio di gara. Paradossalmente forse c'è stata troppa voglia di spostare gli equilibri, quando il suo ruolo prevede anche tanto lavoro sporco che oggi manca.

Fiordilino 5 - Abbastanza fumoso come il compagno di reparto. Non riesce a mettere intensità, sulle seconde palle arriva sempre prima un giocatore del Brescia. (dal 70' Di Mariano 6 - La sua gamba è fondamentale per evitare di imbarcare troppa acqua, si fa più volte la fascia in poco tempo e aiuta anche difensivamente con un grandissimo ripiegamento su Van de Looi in area).

Aramu 5,5 - Ogni tanto si fa vedere facendo capire che la qualità è sempre lì, ma serve molta più costanza nei novanta minuti. Probabilmente anche lui è stremato dal tour de force e sembra ogni tanto disconnesso.

Johnsen 5,5 - Avvio di gara ottimo per Magic che va vicinissimo al gol, ma Joronen gli dice di no. Prova a illuminare con le sue giocate senza trovare però troppa collaborazione. Nella ripresa sbaglia una grandissima chance preferendo il difficile destro al più comodo tiro col piede debole. Nel finale poi si fa espellere, era già ammonito e salta su Joronen in uscita, per l'arbitro è carica e c'è il secondo giallo.

Bocalon 4,5 - La sua partita, nel bene e nel male, sta tutta nell'occasione che ha da due passi. Joronen è steso davanti a lui, ma l Doge non tenta nemmeno di metterla o ai lati o sotto la traversa, centrando l'estremo difensore. Questo, quello Cosenza, quello col Pescara, gli errori pesanti iniziano a essere tanti. Nella ripresa c'è troppo Brescia e non vede mai la sfera. (dal 57' Esposito 6,5 - Entra nel momento più complicato del match dando la giusta sferzata di energia ai compagni in attacco. Un paio di cambi gioco di pregevole fattura per dare respiro ai Leoni, che erano schiacciati in area dalle Rondinelle. Bel tentativo nel finale, ma il muro del Brescia gli dice no).