Reyer-Pesaro, PAGELLE; Pesaro batte una Reyer svogliata e imprecisa

12.10.2020 07:09 di Alberto Bison   Vedi letture
© foto di www.reyer.it
Reyer-Pesaro, PAGELLE; Pesaro batte una Reyer svogliata e imprecisa

Brutta serata per la Reyer Venezia che viene sconfitta dalla Carpegna Pesaro per 72-90. La squadra orogranata, che era imbattuta dopo le prime due partite di campionato, è costretta alla resa da Pesaro. La squadra marchigiana ha dimostrato una netta superiorità nei quaranta minuti di gioco e ha meritato la vittoria.

Prima parte del match molto equilibrata, Venezia parte bene e dopo essersi sbloccata si procura un vantaggio di cinque punti che mantiene più o meno per tutto il primo quarto.
Nel secondo quarto Pesaro comincia a mostrare di poter cambiare il ritmo della partita. Filipovity e Massenat cominciano a dimostrare di essere in serata e il match sembra destinato a cambiare padrone. All’intervallo il punteggio premia Pesaro che ora conduce per 38-41.
Inizia il terzo quarto, Filipovity e Massenat si scatenano, realizzano complessivamente 7/10 da tre punti, e spostano l’equilibrio della partita in favore di Pesaro. Il compagno di squadra Tyler Cain alza i giri del motore in difesa e costringe i lunghi veneziani a giocare distanti dal canestro. La Reyer prova a rispondere con il tiro da tre punti, ma non riesce a contenere lo svantaggio. A soli dieci minuti dal termine Pesaro conduce per 55-64.
Nell’ultima frazione di gioco Venezia non riesce a reagire e la squadra marchigiana continua a mantenere un ritmo altissimo fino alla fine del match. La sirena suona come una sentenza per il 72-90 finale.

Le pagelle dei giocatori orogranata:

Davide Casarin: 6 partita di grande energia, prova a motivare la squadra, ma non ci riesce.

Julian Stone: 5 brutta serata per la guardia statunitense che non riesce a lasciare il segno

Michael Bramos: 5 serata difficile anche per il capitano, che chiude la serata con un misero 1/8 al tiro, unico aspetto positivo le tre palle recuperate in difesa.

Stefano Tonut: 7 l’ultimo ad arrendersi, realizza 17 punti ed è l’unico che mette in difficoltà Pesaro per tutto il match. Partita sicuramente positiva per la guardia italiana 

Austin Daye: 5 partita difficile per l’ala americana che non incide. Non riesce a crearsi situazioni di tiro e alla fine chiude con soli 8 punti. Preoccupante la prestazione difensiva, dove spesso si fa trovare distratto lasciando troppo spazio al suo avversario.

Andrea De Nicolao: 5,5 partita poco esaltante, fatica nel trovare le soluzioni giuste per liberare i compagni che però non gli facilitano il compito. Nel terzo quarto realizza due triple consecutive che sembrano rispondere allo strapotere pesarese, ma è solo un’illusione

Jeremy Chappell: 5 partita difficile, in cui non trova la precisione al tiro. In difesa fa quello che può ma non basta.

Valerio Mazzola: S.V solo 7 minuti sul parquet, troppo pochi per giudicare

Lorenzo D’Ercole: N.E. 

Isaac Fotu: 6 buona partita per il lungo di passaporto neozelandese, 11 punti e 6 rimbalzi. Nella seconda metà di gioco fatica contro un Cain in versione stellare

Mitchell Watt: 6,5 buona prestazione per il centro americano, che realizza 14 punti e 6 rimbalzi. La difesa è meno efficace del solito a causa di due falli commessi in avvio di partita.