Venezia-Ternana, PAGELLE; Sigurdsson e i cambi decidono il match

14.12.2021 17:09 di Giuseppe Malaguti Twitter:    vedi letture
Venezia-Ternana, PAGELLE; Sigurdsson e i cambi decidono il match

Venezia-Ternana sedicesimi di Coppa Italia.

Le pagelle degli arancioneroverdi:

LEZZERINI 6,5
Rientrava tra i pali dopo una serie interminabile di problemi fisici. Sostanzialmente inoperoso nel primo tempo. Nella ripresa arrivano la bella deviazione sul tiro di Defendi e quella su Peralta, ma soprattutto ritrovarlo pronto e ristabilito fisicamente è la cosa più positiva della suo pomeriggio con la Ternana. Sul capolavoro di Stefano Pettinari, poteva fare poco.
MAZZOCCHI 6
Nel primo tempo punge poco in fase offensiva; nella ripresa è costantemente in fase d’attacco: partita diligente e senza sbavature.
SVOBODA 5,5
Non parte benissimo con Mazzocchi che lo salta un paio di volte. Dopo l’operazione alla schiena non ha ancora trovato la migliofe condizione.
MODOLO 6
Partita in controllo del capitano. Dirige con personalità la difesa.
SCHNEGG 5,5
Prova a spingere sulla fascia sinistra ma ha il difetto di accentrarsi troppo per andare sul suo destro che, e si vede, non è il suo piede. Meglio nel secondo tempo.
FIORDILINO 5,5
Mancava da tantissimo dai campi di gioco e si è visto. Il suo ritorno nella lista di gennaio sarà fondamentale per la salvezza del Venezia.
da lontano. (Dal 46’ TESSMANN 6). Entra, ancora una volta, a gara in corsa con il giusto piglio.
PERETZ 6
Merita la sufficienza per l’eccellente scarico vincente al compagno Heymans. Nel complesso – però – non è ancora a suo agio nella manovra arancioneroverde. (Dal 60’ JOHNSEN 6,5). Entra in gara benissimo nel match; due assist preziosi del norvegese: basta e avanza.
BJARKASON 5,5
Si nota poco, Zanetti giustamente lo toglie e la partita cambia. (Dal 60’ CRNIGOJ 7). Appena entrato mette il sigillo sul match con un gol meraviglioso. Zanetti lo impiega in un centrocampo a due e lo sloveno risponde alla grande al di là della rete decisiva.
HEYMANS 6,5
Impiegato nel ruolo di trequartista, dietro Forte, inizialmente fatica a trovare il ritmo gara. Nella ripresa la gemma con il piazzato perfetto nell’angolo che vale il primo vantaggio dei Leoni. (Dal 60 KIYINE 6). Si mette tra le linee e fa il suo.
FORTE 6
Tanto movimento non sempre efficace – però – da vero opportunista trova la zampata vincente che manda i titoli di coda della partita.
SIGURDSSON 7
Zanetti può ritenersi davvero soddisfatto della prestazione e della risposta (era tra quelli che aveva giocato meno minuti) dell’attaccante islandese. Sempre nel vivo della manovra, gioca con qualità e si sacrifica anche in fase di ripiego. (Dal 75’ DE VRIES sv).